GRANDE DISTRIBUZIONE

Centri commerciali in Abruzzo, «no a nuove licenze fino al 2018»

Moratoria in scadenza nei prossimi giorni, richiesta una proroga

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

198

centro commerciale

ABRUZZO. Nel 2016 scadrà il divieto di realizzare nuovi centri commerciali in Abruzzo imposta negli anni scorsi

Nel 2015 una nuova indagine di Confesercenti Abruzzo, che in passato ha analizzato la quantità complessiva di grande distribuzione organizzata in Abruzzo (che “scatta” oltre i 2.500 mq), ha verificato le soli superfici di vendita oltre i 20 mila metri quadrati.

Secondo questa rilevazione la concentrazione di grandi centri commerciali in Abruzzo non ha eguali in Italia: ogni mille abruzzesi ci sono 205,45 metri quadrati di centri commerciali, a fronte dei 179,6 della Lombardia che è la seconda regione a più alta concentrazione. Le regioni limitrofe viaggiano su numeri decisamente più contenuti: 95,05 mq ogni mille abitanti nelle Marche, 116,49 nel Lazio, 113 in Molise. Fra il 1998 ed il 2014 la grande distribuzione, sempre secondo l’indagine Confesercenti, ha fatto razzia nel settore food: se nel 1998 il mercato della distribuzione alimentare era concentrato per il 68 per cento nelle grandi superfici e per il 32 per cento nelle medie e piccole attività, 14 anni dopo gli iper hanno fagocitato il 90 per cento del mercato.

Proprio il presidente di Confesercenti Abruzzo Daniele Erasmi e il direttore Enzo Giammarino chiedono che il Consiglio regionale assuma subito una decisione e proroghi la moratoria almeno fino al 2018.

«Il commercio abruzzese sta vivendo un piccolo segnale di ripresa dei consumi ancora insufficiente per parlare di una solida inversione di tendenza - dicono Erasmi e Giammarino - e riaprire il bazar dei centri commerciali vorrebbe dire uccidere qualunque ipotesi di rilancio delle economie cittadine, ormai basate quasi esclusivamente sul terziario».

Fra l'altro questo avverrebbe nel momento di massima crisi del modello dei centri commerciali, entrati prepotentemente in crisi anche per l'eccesso di autorizzazioni rilasciate in passato in Abruzzo, tanto che la grande distribuzione sta licenziando e mettendo il personale in mobilità. Non c'è spazio nel mercato abruzzese per nuovi centri commerciali, ne è certa la Confesercenti: «a tutela delle microimprese e dei posti di lavoro attualmente in pericolo, è indispensabile non lasciare alcuna finestra per la presentazione di domande di nuovi centri commerciali frutto della speculazione edilizia e finanziaria. Una nuova moratoria sarebbe anche un messaggio a quei poteri criminali che guardano alle nostre città come possibile sbocco per le attività di riciclaggio di denaro sporco: l'Abruzzo a testa alta deve dire no».

Intanto Forza Italia ha presentato un emendamento per non consentire le richieste di autorizzazione per l’apertura di grandi superfici di vendita fino al 20 maggio 2018.
«Si tratta – spiegano Febbo e Sospiri - di un emendamento alla Legge di Stabilità in discussione in Prima Commissione Bilancio che si pone l’obiettivo, così come fatto anche quando eravamo al Governo di questa Regione, di difendere il tessuto socio-economico regionale».

In particolare si vuole dare un sostegno ai piccoli esercenti, che si caratterizzano per numerosi fattori quali la vicinanza e il rapporto personale e di fiducia con il cliente e per queste vanno difese e sostenute, che hanno risentito dell’alta presenza dei centri commerciali in Abruzzo.

«E’ necessario», dicono Febbo e Sospiri, «che le istituzioni diano il loro contributo affinché le piccole realtà commerciali per la somministrazioni di alimenti e bevande non abbassino le saracinesche e soprattutto che tanti commercianti che hanno dedicato una vita alla loro attività non si trovino all’improvviso senza un lavoro».