ISTRUZIONE E CEMENTO

«Il Biocampus a Villareia si farà»

Lo hanno confermato gli assessori regionali Di Matteo e Pepe

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

386

Abruzzo, 9 mln di euro per realizzare nuovi poli scolastici

Donato Di Matteo

ABRUZZO. Mantenuto l’impegno per la realizzazione del Biocampus a Villareia di Cepagatti: lo hanno confermato nel corso della seduta del consiglio comunale di Cepagatti - che si è tenuta nei giorni scorsi e che aveva tra i punti all’ordine del giorno il sostegno alla delibera di Giunta Regionale n. 825 dell'8 ottobre sulla costruzione di scuole innovative - l’assessore regionale alle Politiche Agricole Dino Pepe, delegato dal presidente della Giunta Regionale a partecipare all'assise, e l’assessore regionale ai Lavori Pubblici Donato Di Matteo.

Di Matteo è intervenuto ai lavori insieme a Pepe per chiarire alcuni punti del provvedimento.

«Il progetto per la realizzazione del Biocampus, che in delibera prevede un importo di 6 milioni e mezzo di euro, è il primo nell’elenco proposto dalla Regione al Miur  - ha spiegato - Si tratta di  una struttura altamente specializzata collegata alle facoltà di Medicina dell’Università di Chieti, per il discorso dell’alimentazione e dei disturbi correlati alla nutrizione, e di Agraria di Teramo e che rappresenterà una straordinaria opportunità per l’economia del territorio. Preciso che l’Istituto agrario di Alanno non verrà toccato come l’Alberghiero di Pescara, ma anzi verranno sostenuti in termini economici e progettuali per una crescita adeguata. Ciò non vuol dire che non si possa costruire un polo all’avanguardia in una grande realtà come quella di Cepagatti, che merita di avere un suo ruolo all’interno dell’area metropolitana di Pescara e Chieti e che sicuramente potrà operare per favorire anche la crescita degli altri due istituti».

«Ci tenevo a partecipare a questo consiglio comunale per dare forza particolare a quanto deliberato – ha aggiunto l’assessore Pepe che ha portato da delegato i saluti del presidente D'Alfonso, impossibilitato, suo malgrado, a partecipare all’incontro - Quello di Cepagatti è il primo progetto individuato dalla Regione e dalla Giunta Regionale, che vogliono investire in cultura e guardare alle generazioni future – ha proseguito - Cepagatti può accogliere questo importante investimento e anche questa sfida culturale. Mi auguro che il processo possa continuare come previsto dalle delibere e dagli atti conseguenti».

«NON SARA’ TOLTO NULLA AGLI ALTRI»

Piena disponibilità è stata espressa dal sindaco Sirena Rapattoni ad accogliere il Biocampus affinché «il nostro territorio sia luogo di cultura, innovazione e sostegno all’economia. Non vogliamo che sia tolto nulla ad altri, ma che si realizzi qualcosa di importante a Cepagatti».

Un risultato importante raggiunto anche grazie all’assessore Annalisa Palozzo che, approfittando del duplice ruolo di assessore al comune e consigliera provinciale, ha più volte proposto l’importante area dell’istituto professionale per l’agricoltura di Villareia come candidata principale a diversi bandi pubblici rivolti alle scuole, centrando l’obiettivo con il finanziamento Miur.

«Ritengo di dover condividere con tutti i consiglieri e i cittadini questo tema fondamentale per il futuro del nostro territorio - ha spiegato - Il Biocampus è un progetto ambizioso e tutti insieme dobbiamo sostenerlo, da ora fino alla sua realizzazione. Cepagatti è una città in crescita e dobbiamo pretendere progetti che la rendano protagonista e che creino economia, sviluppo e prospettive occupazionali per tutto ciò che gira attorno a una scuola all’avanguardia come questa: lavoro, imprese, potenziamento mezzi trasporto, strutture sportive».

Presenti, in una sala consiliare gremita, anche una rappresentanza degli studenti dell’Istituto agrario di Villareia, accompagnati dai genitori e dal personale Ata della scuola, e alcuni ex alunni.