IL DELITTO

Mamma abruzzese uccide le figlie di 1 e 3 anni a coltellate

La donna si è costituita

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7837

Mamma abruzzese uccide le figlie di 1 e 3 anni a coltellate

Samira Lupidi con le figlie

BRADFORD. Una tragedia immane che ha sconvolto l’Inghilterra proprio nelle stesse ore in cui Parigi veniva presa d’assalto dai terroristi. Ma in questa triste storia il terrorismo non c’entra nulla. E’ la storia di un dramma familiare che si sarebbe consumato tra le pareti domestiche e che bisogna ancora chiarire.

E' abruzzese, di Martinsicuro (Teramo), la mamma 24enne che mercoledì scorso, a Bradford, nel West Yorkshire (Inghilterra), ha ucciso a coltellate le due figliolette di 1 e 3 anni, Evelyn e Jasmine.

La giovane donna, arrestata, si chiama Samira Lupidi; si era trasferita a Londra nel 2011 dall'Abruzzo. La notizia ha scioccato l'opinione pubblica londinese e  solo in queste ore, dopo 5 giorni, è piombata anche in regione. Era stata lei stessa a costituirsi alla polizia londinese dopo il duplice omicidio. Dei genitori di Samira solo il padre risulta ancora residente a Martinsicuro, anche se vive a San Benedetto del Tronto. La madre, brasiliana, vive nel nord Italia.

La donna non è comparsa davanti al giudice e come ha riferito il suo avvocato «è molto turbata».

Il padre delle bimbe è devastato, come riferisce una zia alla stampa britannica, l’uomo sarebbe ancora sotto shock per quanto accaduto. «E’ come se fosse scoppiata una bomba nella nostra famiglia», ha detto.

I giornali inglesi riferiscono che l'autopsia eseguita il giorno dopo ha accertato che la morte è stata causata dalle «molteplici ferite da taglio». Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti si ipotizza che la donna abbia agito a causa della forte depressione.

Nella pagina Facebook della giovane mamma sono numerose le foto che ritraggono la donna in compagnia delle sue bimbe e il marito. Immagini di una apparente tranquillità familiare che nei mesi scorsi hanno sempre raccolto numerosi apprezzamenti da parte di parenti e amici.

La donna si trova ora rinchiusa nel carcere di Bradford a disposizione del giudice.

Bradford, grande citta' del West Yorkshire, dista da Londra circa 350 chilometri, ed era stata scelta dalla giovane abruzzese come residenza dove far crescere le due piccole. Il Daily Mail, quotidiano britannico, riporta le fotografie della giovane e delle sue due figlie e sottolinea come il padre delle bambine, il 31enne Carl Weaver, sia "devastato". Secondo alcune indiscrezioni, fra la donna e l'uomo ultimamente il rapporto si era fatto molto difficile. La polizia del West Yorkshire nella mattinata di martedi' 17 novembre era subito accorsa nella casa condivisa di Mint Street dove e' avvenuta la tragedia. Sono state le stesse forze dell'ordine britanniche poi ad allertare le autorita' consolari italiane a Londra, che a loro volta hanno avvisato le forze dell'ordine in patria.