SCOLLEGAMENTO

Aeroporto Pescara, volo per Bucarest non funziona. Collegamento tagliato

Si potrebbe riprovare la prossima primavera

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1838

Aeroporto Pescara, volo per Bucarest non funziona. Collegamento tagliato

PESCARA. Offerta stracciata per i voli Pescara-Bucarest e sconti del 20% per chi acquista oggi un biglietto: si tenta di salvare il salvabile in vista degli ultimi viaggi che opererà la compagnia Wizzair dall’Abruzzo alla Romania.

Il collegamento, infatti, annunciato in pompa magna la scorsa primavera sarà sospeso prima del previsto: domenica 10 gennaio partirà da Pescara alle 21:55 l’ultimo volo. Motivi? Insuccesso del collegamento, con  aeromobili che volano sempre mezzi vuoti.

 Si riproverà a volare da fine ‪‎marzo sperando che tra primavera ed estate la situazione migliori. Il collegamento era già stato posticipato la scorsa estate e a quanto pare la sessione invernale non è andata come si sperava.

Lo scorso febbraio Saga pubblicò una manifestazione d’interesse  nella quale esponeva le proprie priorità commerciali e collegamenti preferiti. Tra questi c’era anche Bucarest. Tra le società che hanno risposto c’era Wizzair, Alitalia, Air Vallee e la New Livingstone.

Gare di appalto non ne sono state fatte, Wizzair è “entrata”, come aveva già svelato nei mesi scorsi PrimaDaNoi.it  godendo di uno sconto del 50% sulle tariffe di handling, per un costo di circa 850 euro a viaggio (Ryanair paga 650).

Inoltre la Saga si è impegnata a pagare circa 9 euro per passeggero sia in partenza che in arrivo (per Ryanair sono 10 euro) e questo sarebbe il classico “incentivo” che il “pubblico” finanzia per incrementare il turismo…

Questo con la compagnia aerea a basso costo ungherese con sede legale nel comune di Vecsés, nelle pertinenze dell'Aeroporto di Budapest-Ferihegy, dovrebbe essere un contratto triennale che doveva iniziare il 26 luglio scorso ma che invece per problemi “tecnici” è slittato.

Quello per la Romania era un volo bisettimanale e alla stipula del contratto, facendo stime ottimistiche, si calcolavano circa 21 mila i passeggeri in un anno per un totale di incentivi versati pari a 189.000 euro circa. Sarebbe interessante conoscere i dati reali.  Di contro Wizzair deve versare a Saga il costo dei servizi handling che vengono calcolati in circa 89.000 mila euro.

E come detto proprio nella giornata di oggi Wizzair applica uno sconto del 20% per chi acquista un volo Pescara-Bucarest. Questo vuol dire che un biglietto con tariffa ‘basic’ (senza possibilità di scegliere il posto a sedere o l’imbarco prioritario) che solitamente costa 25 euro oggi lo si può acquistare a 17 euro mentre per un ‘plus’ i 70 euro diventano 61. Sarà una offerta sufficientemente allettante per tentare di riempire gli ultimi voli?

Si tratta però dell’ennesima debacle annunciata perché anche questa operazione è nata sotto una stella sbagliata e perché la Saga sembra aver “bucato” tutte le regole d’oro del business del settore.

Intanto le nuove rotte andrebbero pubblicizzate e questo non è stato fatto anche perché la Saga versa in condizioni economiche disastrose per cui si cerca di tagliare il più possibile… pure sugli investimenti (e con questi risultati).

 Inoltre far partire una nuova tratta a novembre -a detta di molti esperti- è il periodo peggiore ed inoltre si deve aggiungere ancora una volta che le previsioni si sono dimostrate troppo rosee tanto da risultare quasi del tutto fallaci. Allora c’è da chiedersi chi elabora tali previsioni e con quali competenze.

L’ultimo tentativo di rinascita –come è stato fatto passare dalla Saga il volo di Bucarest- inoltre si è rivelato un flop anche perché l’Abruzzo è arrivato per ultimo nel collegamento con la Romania mentre altri aeroporti (anche troppo vicini) hanno sviluppato il collegamento anche da alcuni anni.

L’idea che si ha da tempo è che c’è qualcosa di profondo che deve cambiare e, forse, più che la professionalità, riguarda un profondo rinnovamento culturale (che non c’è).