DOPO L'ARRESTO

Santa Croce, arresto Colella. I sindacati: «quadro aziendale già critico, ora si complica»

La Cisl illustra il quadro del mega stabilimento di Canistro. Futuro sempre più incerto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

233

Santa Croce, arresto Colella. I sindacati: «quadro aziendale già critico, ora si complica»

CANISTRO. «La misura degli arresti domiciliari per Camillo Colella, amministratore unico della societa' Santa Croce, per una presunta evasione fiscale da 13 milioni di euro relativa ad Iva e imposte sui redditi, conferma, al di la' della vicenda giudiziarie, nel merito della quale la Fai - Cisl non intende entrare, tutte le perplessita' che il nostro sindacato ha espresso, a piu' riprese, in merito alla concessione trentennale che la Regione ha affidato all'azienda per l'imbottigliamento dell'acqua di Canistro».

 E' quanto affermano Franco Pescara e Feliciantonio Maurizi, segretari regionali Fai-Cisl Abruzzo: «Dubbi manifestati anche di recente», affermano i sindacalisti, «riferiti all'intera vertenza, in particolare all'affidamento della concessione, seppure vincolata alla successiva presentazione del Durc e del relativo piano industriale, che deve necessariamente prevedere la salvaguardia degli occupati. E' chiaro che questa situazione va a complicare ancora di piu' il nebuloso quadro sul futuro dell'azienda e, soprattutto, dei 75 lavoratori. Alla luce di quanto accaduto», incalzano Pescara e Maurizi, «chiederemo immediatamente un incontro con la Regione per chiarire i risvolti occupazionali della vertenza e la posizione che la Regione stessa intende assumere rispetto alla Santa Croce».

 Lo stabilimento Santa Croce di Canistro e' stato rilevato alla fine del 2007 dalla holding guidata da Colella. A quei tempi occupava 120 lavoratori e produceva oltre 300 milioni di acqua imbottigliata l'anno.

«Da quel momento», evidenziano Pescara e Maurizi, «c'e' stato un susseguirsi di cassa integrazione ordinaria e straordinaria, mobilita' e contratti di solidarieta', di pari passo con la diminuzione della produzione che e' scesa a circa 100 milioni di pezzi l'anno. Attualmente nello stabilimento lavorano, a rotazione, una ventina di unita' per circa 24 -32 ore settimanali. La Fai-Cisl», concludono i sindacalisti, «ha sempre mostrato perplessita' rispetto alla reticenza dell'azienda a presentare un piano industriale che prevedesse investimenti concreti su Canistro. E' un vero peccato che un grande marchio di qualita', come la Santa Croce, venga offuscato da una vicenda che rischia di comprometterne la diffusione sul mercato».

«CHIARIREMO TUTTO»

«Immediatamente verrà fatta chiarezza agli inquirenti in relazione agli addebiti mossi», recita una nota della Santa Croce.  «Si precisa che Sorgente Santa Croce Spa è pienamente operativa e perfettamente in regola relativamente a tutte le spettanze di dipendenti e fornitori e con tutti gli impegni presi nei confronti dei propri clienti. Nelle prossime ore sarà dimostrato che l’Azienda, nel proseguimento dell’intenso e radicale piano di ristrutturazione della Sorgente Santa Croce spa iniziato con l’avvento della sua proprietà nel 2008, aveva messo in atto tutte le misure necessarie a ripianare l’esposizione debitoria nei confronti dell’Erario, avendo già ottenuto le rateizzazioni per l’intero debito tributario come previsto dalle leggi vigenti e avendo altresì ottenuto le revoche di tutte le azioni esecutive precedentemente adottate da Equitalia atte al recupero dei crediti».