I NUMERI

Pescara. «La Fabbrica delle idee torna a produrre». L’Aurum in cifre.

Nel 2015 introitati 35.908 euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

171

Pescara. «La Fabbrica delle idee torna a produrre». L’Aurum in cifre.

PESCARA. Un anno di gestione dell’Aurum e delle altre strutture culturali cittadine: l’assessore Paola Marchegiani traccia un bilancio.

«Stiamo raccogliendo frutti di una politica di razionalizzazione dei costi e attenzione agli sprechi e per quanto riguarda l'Aurum abbiamo dei numeri più che positivi - dice l'assessora al Patrimonio Culturale - Non potevamo permetterci di continuare la politica del passato e indipendentemente dai nostri giudizi sulla linea adottata da chi ci ha preceduto, quella politica andava cambiata, perché ci ha portato al predissesto e non è riuscita ad offrire ciò che Pescara merita dal punto di vista gestionale e culturale».

Raddoppiati gli introiti dell'Aurum, eliminando la pratica della gratuità «che è stata la prassi di chi ci ha preceduto, specie nei primi sei mesi del 2014», ha sottolineato Marchegiani. La gratuità viene riconosciuta, solo se si tratta di eventi adottati dall'Amministrazione o di riconoscibile valore istituzionale.

«Ma se da un lato abbiamo ristretto l’ingresso, dall’altro abbiamo abbassato i costi cosa che ha permesso a tutti di poter usufruire, anche il personale è stato contenuto alle tre unità e riesce a dare gli stessi servizi che dava anche prima, abbiamo utilizzato tutte risorse interne e centralizzato all'Aurum la possibilità di prenotare tutti gli spazi cittadini. Tale centralizzazione ha avuto lo scopo di promuovere un distacco completo dalla politica, ora tutto è trasparente e visibile attraverso il portale Accade a Pescara che è anche uno strumento di lavoro per chi promuove eventi e cultura e di consultazione per chi ne fruisce». 
«Aurum, ma anche Circolo Aternino, auditorium Cerulli e Vittoria Colonna come detto le prenotazioni sono centralizzate, le gestiamo con il sito Accade a Pescara – aggiunge Licio Di Biase, responsabile amministrativo dell'Aurum – Meno personale, abbiamo tre unità in meno, ma riusciamo ad avere introiti maggiori perché la struttura è messa a regime. Inoltre per quanti non possono usufruirne perché gli spazi sono occupati o per via dei costi, stiamo proponendo l'auditorium Cerulli, attivato proprio per agevolare le piccole associazioni che hanno budget limitati ma voglia di fare. Questo ci ha consentito di scoperire questa struttura in via Verrotti, una traversa di Via D'Avalos. I dati, invece, arrivano a fronte di una stagione davvero piena di eventi e di presenze davvero qualificanti: per l’estate abbiamo avuto circa 18/20.000 persone negli oltre cento eventi portati e un palma res bello e importante che ha portato l’Aurum al centro di circuiti di informazione anche nazionali che prima non avevamo avuto».
Nel 2013: 11.200 €  di introiti per matrimoni, 11.762 € introiti per manifestazioni.  Totale incassi al 30 giugno: 22.962€. Nel 2014: 14.913 € di introiti per matrimoni e 3.664 euro di introiti per manifestazioni. Totale: 18.577.

Nel 2015: 7.950 € di introiti per matrimoni; 27.958 €  di introiti per manifestazioni. Totale: 35.908 euro. 

Quindi, a fronte di un forte ridimensionamento dei matrimoni, c’è stato un notevole incremento degli introiti per eventi e manifestazioni varie. «Comunque, al 30 giugno 2015 in totale abbiamo un incremento del 63,37% rispetto al 30 giugno 2013 e 101,93% rispetto al 30 giugno 2014». 

A questo bisogna aggiungere che l’Amministrazione Comunale, con la concessione in fitto all’Università telematica Pegaso dei locali in precedenza concessi a Digital Borgo, ha decuplicato l’introito dell’affitto passando da 400  a 4.000 euro al mese.