CONTRO

Chieti. Riqualificazione di Piazza Carafa, il M5S dice no

«Nessun principio di partecipazione popolare sancito dallo Statuto comunale»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

191

Chieti. Riqualificazione di Piazza Carafa, il M5S dice no

CHIETI. «Chieti Scalo continua ad essere il luogo preferito per scaricare colate di cemento da destinare all'edilizia popolare».
La denuncia arriva dal Movimento 5 Stelle che contesta al sindaco e alla sua amministrazione di non riuscire ad avere una «visione organica della città».

L’insoddisfazione è nata dall'esame dei documenti forniti a corredo della convocazione del Consiglio comunale in programma per domani: i portavoce e gli attivisti del Movimento 5 Stelle hanno accertato che, nonostante i proclami del sindaco - che a parole non vuole una Chieti divisa tra centro e periferie – quest’ultima venga bistrattata.
«Il progetto da realizzare a Piazza Carafa interviene in un territorio che già a seguito della variante al PRG del 2008, era stato indicato come carente degli standard urbanistici e pertanto, doveva essere destinato ad ospitare solo ed esclusivamente servizi per i cittadini, dal verde pubblico agli uffici e ai luoghi di aggregazione», protestano Ottavio Argenio e Manuela D'Arcangelo.

«Con una variante semplificata al PRG, peraltro tecnicamente e giuridicamente discutibile se non illegittima», fanno notare i grillini, «si muta la destinazione d'uso dell'area in questione, destinandola a completamento residenziale, sacrificando gli spazi disponibili per aumentare la densità abitativa e si va ad incrementare, in maniera forse irrimediabile, il deficit urbanistico già presente».

«In pratica», vanno avanti i consiglieri di minoranza, «Chieti Scalo dovrà attendere ancora diversi anni e continuare a sperare di avere i servizi minimi conformi al territorio ed al numero di abitanti; di certo è ridicolo pensare che un asilo per soli 30 bambini possa essere sufficiente a colmare questo deficit o che il progetto del nuovo cimitero possa soddisfare l'esigenza di quanti, da anni, chiedono una rivisitazione seria della zona centrale dello Scalo. Il progetto di “riqualificazione” di Piazza Carafa è, in definitiva, la dimostrazione di come questa amministrazione proceda nel suo cammino noncurante delle istanze che provengono dalla società civile, in spregio del principio di partecipazione popolare sancito dallo Statuto comunale. E dire che gli abitanti di Chieti Scalo avevano già raccolto oltre mille firme per manifestare la loro contrarietà a questi lavori e per suggerire diverse e più opportune opere di vera riqualificazione».