DITTATURA PETROLIFERA

A Spalato contro le trivelle. Associazioni dei paesi adriatici decidono insieme

Sondaggio in Croazia: il 49,4% contro il petrolio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

53

A Spalato contro le trivelle. Associazioni dei paesi adriatici decidono insieme

SPALATO. A Spalato contro le trivelle in Adriatico: in una tre giorni, dal 26 ad oggi, si sono incontrati rappresentanti di organizzazioni e movimenti ambientalisti da Albania, Croazia, Montenegro, Slovenia e Italia che aderiscono al network SOS Adriatico. L'intento è quello di dare vita ad una piattaforma comune per difendere l'Adriatico dai petrolieri. Per l'Italia erano presenti Legambiente e i movimenti No Ombrina e Trivelle Zero Marche.

«I governi e le compagnie petrolifere cercano di fuorviare l'opinione pubblica in maniera analoga nei diversi paesi che si affacciano sull'Adriatico. Le minacce che incombono sull'Adriatico travalicano i confini nazionali e devono essere affrontati su scala internazionale. L'Adriatico è unico e dobbiamo assumerci la responsabilità di proteggerlo. E' paradossale che in Croazia alcuni politici per cercare di contrastare le proteste sostengano che in Italia si autorizzano progetti senza problemi mentre in Italia con il medesimo intento portano ad esempio proprio la Croazia e il suo piano di rilascio di permessi», ha dichiarato Mosor Prvan dell'associazione SUNCE di Spalato.

«In Montenegro, d'altro lato, l'opinione pubblica non è informata sui piani del governo su ciò che avverrà in Adriatico. Il processo di esplorazione e di sfruttamento dell'Adriatico sta procedendo nella stessa maniera in tutti i paesi, con mancanza di trasparenza e adeguata informazione da parte delle autorità. Quando i cittadini sono informati sui loro diritti e sull'impatto delle attività petrolifere cambiano idea in maniera significativa» afferma Natasa Kovacevic dell'Associazione montenegrina Green Home.

IL SONDAGGIO

S.O.S. Adriatico ha commissionato un sondaggio sul tema delle perforazioni in mare Adriatico condotto dall'Agenzia IPSOS Puls ad Ottobre 2015 su un campione di 1.000 persone da tutta la Croazia secondo le procedure standard delle rilevazioni di questo tipo. Alla domanda “sei favorevole o contrario all'esplorazione e allo sfruttamento del petrolio in Adriatico?” il 49,4% è risultato essere contrario, il 37.9% a favore mentre il 12.7% non sa.

 In Dalmazia la percentuale dei contrari sale al 56% mentre solo il 31% è favorevole. Solo un anno fa le percentuali risultavano invertite. Cosa è accaduto in questo anno?

«Il movimento ha informato i cittadini attraverso eventi e manifestazioni. Questo risultato è una vittoria per noi. Tra l'altro in Slovenia il Governo ha deciso di vietare espressamente ogni attività di perforazione in mare. Pur essendo un tratto poco esteso è un fatto significativo. L'Adriatico è un golfo di un mare chiuso, il Mediterraneo, che mostra segnali di depauperamento della qualità ambientale e che non può sopportare ulteriori stress di natura antropica come quelli derivanti dalle ricerche e dalle estrazioni di idrocarburi. Questo vale anche per la terraferma; basti pensare alla situazione in Albania dove le recenti lluvioni hanno portato l'inquinamento causato dai pozzi prima nei corsi d'acqua e poi in mare», sostiene Zoran Tomic, alla guida di Greenpeace Croazia.

«Durante il meeting vi è stata molta attenzione a quanto sta accadendo in Italia», dichiarano Mattia Lolli di Legambiente, Giulia Zandri di Trivelle Zero Marche e Augusto De Sanctis del Coordinamento No Ombrina che hanno partecipato all'incontro.