OBBLIGHI

Viabilità. Dal 15 novembre obbligo utilizzo gomme invernali

Gestori strade possono imporre pneumatici M+S sino al 15 aprile

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

701

catene obbligatorie in caso di neve

ROMA. Quando la temperatura esterna scende sotto i sette gradi centigradi, gli pneumatici invernali risultano più efficaci in frenata, più performanti in trazione e più sicuri nei cambi di direzione repentini rispetto alle gomme estive, per questo molti gestori delle strade ne impongono l'utilizzo tra il 15 novembre e il 15 aprile (in alternativa alle catene).

Le gomme prescritte sono quelle marchiate sul fianco con la dicitura M+S, mud and snow, fango e neve. In alternativa al loro montaggio, per poter circolare senza il rischio di sanzioni bisogna tenere a bordo delle catene da neve. In commercio di M+S ne esistono di vari tipi, dalle "quattro stagioni", adatte cioè a un impiego lungo in 12 mesi dell'anno, a quelle con il simbolo di un fiocco di neve all'interno di un triangolo, pensate per climi rigidi. In presenza del cartello che impone le invernali o le catene a bordo non si può circolare con normali pneumatici estivi, pena una sanzione amministrativa in caso di controllo. Le ordinanze che prevedono questo tipo di coperture possono essere emanate dai gestori delle strade: nelle aree urbane se ne occupano le autorità comunali.

È bene, quindi, prima dell'arrivo del 15 novembre sincerarsi se nel proprio comune di residenza vige tale normativa: lo si può fare facilmente via Internet, consultando il sito del ministero dell'Interno o quello della Polizia di Stato. Se si è deciso di non montare le invernali e non si dispone di catene, meglio consultare tali siti anche in caso di viaggio, per verificare che non vi siano limiti di circolazione sulle strade e autostrade del percorso che si intende affrontare.

Si tratta di un'evenienza molto probabile dal momento che nel 2014 tali provvedimenti restrittivi della circolazione sono stati adottati da 59 province su 107 e che per quest'anno Assogomma, la Federazione Nazionale fra le Industrie della Gomma, prevede che aumenteranno.