L'INCHIESTA

In 300 incappati nella truffa delle fideiussioni: inchiesta su una società aquilana

Per ora 2mln il valore della truffa che si allarga a tutta l’Italia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

796

In 300 incappati nella truffa delle fideiussioni: inchiesta su una società aquilana

L’AQUILA. Avrebbero truffato almeno 300 privati cittadini ed alcuni Enti. La Procura della Repubblica dell'Aquila, avvalendosi della collaborazione del Nucleo di polizia tributaria delle Fiamme gialle del capoluogo, ha aperto una inchiesta per fare luce su una grossa truffa su false fidejussioni in quanto emesse da una societa' che ha sede legale all'Aquila, che non aveva titolo non essendo iscritta all'albo, ma soprattutto senza che le pratiche avessero garanzie patrimoniale.

L'attivita' di polizia giudiziaria si trova ancora in una fase piuttosto embrionale ma qualcosa e' filtrata comunque. Gli investigatori sono partiti dalla denuncia di un privato cittadino quando suo malgrado si e' accorto della falsita' di una fidejussione sottoscritta all'Aquila.

Gli inquirenti hanno eseguito una serie di perquisizioni, tra cui Roma e Milano (ma le citta' interessate sono molte di piu') nelle quali sono stati portati via personal computer, e contratti fideiussori. Al momento la truffa si aggira sui 2 milioni di euro.

I soli privati truffati sono oltre 300, oltre ad enti pubblici e istituti di credito. Nell'inchiesta sono coinvolte una decina di persone alcune gia' note alle forze dell'ordine anche per reati specifici.

L'accusa e' di associazione per delinquere finalizzata all'abusivismo in attivita' finanziaria e truffa aggravata.