IL CONTROLLO

Relazione sui conti del Comune di Teramo: «resistiamo tra mille difficoltà»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

75

Brucchi

Brucchi

TERAMO. Il  Comune di Teramo, come consueto, ha ricevuto in questi giorni dalla Corte dei Conti, Sezione Controllo dell’Aquila, al pari degli altri Comuni,  la relazione sul rendiconto 2013.

La relazione analizza puntualmente tutta la situazione del bilancio dell’Ente: l’equilibrio corrente di competenza, l’equilibrio degli investimenti, la situazione di cassa, la gestione dei residui e  l’indebitamento.

Per la prima volta quest’anno è stata effettuata  dalla  Corte dei Conti,  soprattutto per le entrate - nodo nevralgico per tutti gli Enti - una attività di raffronto con i valori medi di tutti i Comuni della Regione Abruzzo.

Dalla stessa si evince che  Teramo è in linea con la situazione generale  che tutti  gli Enti  stanno vivendo in questo particolare e difficile momento storico,  contraddistinto  soprattutto dal drastico taglio dei trasferimenti.

«Il processo di spending review lo Stato lo ha realizzato, ad oggi,  solo e principalmente a discapito dei Comuni», ha detto il sindaco Maurizio Brucchi, «e di conseguenza dei cittadini e delle fasce più deboli, nei confronti dei quali quotidianamente, i Sindaci non possono, purtroppo, dare esaustive risposte, in quanto le risorse disponibili, sono, ormai ridotte al minimo».

Sul fronte dell’indebitamento, la relazione evidenzia, come l’Ente abbia ridotto lo stesso in maniera consistente, essendo  molto al di sotto dei limiti imposti dalla normativa.

 Il Sindaco Maurizio Brucchi, a questo proposito, sottolinea che  «la relazione rileva come il Comune di Teramo si sia difeso efficacemente, in particolare grazie alla riduzione dei costi fissi, dell’indebitamento e dei fitti passivi. Le attività di contenimento della spesa corrente  avviate  nell’ultimo anno, molte delle quali dolorose, molte altre opportune, ci danno  la consapevolezza che le criticità evidenziate  dalla  Corte dei Conti, alle  quali verrà posta la massima attenzione e considerazione,  possono essere risolte con l’ausilio di tutti coloro che hanno a cuore il bene della cittadinanza».

Va infine rilevato che nell’ambito delle difficoltà di Bilancio, e con particolare riferimento alle polemiche che hanno accompagnato la riscossione dei tributi locali nel Comune di Teramo accusato di “tartassare” i cittadini una recente ricerca con una contribuzione tra le più alte d'Italia, è dei giorni scorsi una interessante indagine pubblica -rimarca l’assessore al Bilancio Eva Guardiani – dice che la media contributiva dei cittadini teramani «è di 202 euro, inferiore alla media nazionale delle città capoluogo che è invece di 230 euro. Ciò implicitamente riconosce la bontà delle decisioni assunte dall'amministrazione comunale che ha si aumentato, in termini generali, la corrispondente aliquota (+3,3 ./..) ma che, grazie all'applicazione della griglia delle agevolazioni, ha di fatto reso equo il pagamento della tassa, riducendone il peso, mediamente, sui contribuenti». 

«Pertanto le scelte adottate dall’Amministrazione si sono rivelate – all’evidenza dei riscontri – virtuose e il risanamento di Bilancio è conseguenza dell’oculatezza e della ponderatezza delle decisioni assunte», sostiene il primo cittadino.