IL FENOMENO

Caporalato Fucino, l’ira di Confagricoltura: «diffamato lavoro degli imprenditori agricoli»

«Lavoro onesto a migliaia di operai»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

85

AGRICOLTURA GRANO

ABRUZZO. Confagricoltura L’Aquila ha dato mandato ai propri legali per citare in giudizio tutti coloro che «gratuitamente e senza prove stanno diffamando in modo irreparabile un intero territorio fatto da imprenditori agricoli che ogni giorno si spaccano la schiena per dare lavoro onesto a migliaia di operai agricoli».

E’ quanto afferma Fabrizio Lobene presidente di Confagricoltura L’Aquila. 

Confagricoltura L’Aquila dice basta ai continui attacchi perpetrati da una fantomatica organizzazione di lavoratori che sul Fucino «non rappresenta nessuno che da oltre un anno porta avanti una politica di delegittimazione del territorio con la complicità di giornali e giornalisti e da ultimo di un certo Gianni Melilla che, in rappresentanza di un popolo che non lo ha scelto, amplifica in modo irresponsabile un fantomatico rapporto sulle agromafie che si basa, per quanto riguarda il Fucino, di dati inesatti se non addirittura falsi».

Il riferimento è alla recente interrogazione al Governo da parte di Melilla in cui il deputato chiede conto del fenomeno del caporalato.

Ma Confagricoltura attacca: «siamo stati noi nello spirito di collaborazione sancito dal protocollo di legalità stipulato con la Prefettura dell’Aquila, a segnalare  alla Commissione regionale di coordinamento per le attività di vigilanza presso la Direzione Regionale del Lavoro, i fenomeni di utilizzo improprio di manodopera agricola da parte di cooperative ed altri soggetti nell’area del Fucino».

«Questi fenomeni oltre ad alimentare i rischi di infiltrazioni criminali che influenzano il normale svolgimento delle attività imprenditoriali provocano un danno erariale enorme per effetto dell’erogazione di prestazioni economiche previdenziali ed assistenziali non dovute oltre ad una enorme evasione contributiva da parte di ditte con attività inesistente», spiega Stefano Fabrizi Direttore di Confagricoltura L’Aquila.

«Confagricoltura L’Aquila ha fornito agli ispettori ogni elemento di conoscenza sulle attività lavorative agricole e sulle principali fonti (banche dati, uffici regionali) cui attingere informazioni utili per le indagini. Tuttavia gli ultimi dati INPS relativi al 31/12/2014 sull’occupazione in agricoltura confermano che il fenomeno delle assunzioni fittizie non è stato fermato e, cosa più grave, i soggetti indagati continuerebbero nella loro attività illecita. Organizzazioni sindacali dei braccianti che dimostrano di non conoscere nulla dell’agricoltura del Fucino, facendo molta confusione, alimentano ad arte una campagna di vera e propria denigrazione dell’imprenditoria agricola, organizzano convegni e preparano veline per deputati inconsapevoli per pubblicizzare dati non supportati da concreti riscontri o puntuali denunce, ma finalizzati a sostenere vere e proprie pressioni nei confronti dell’INPS affinché vengano erogate prestazioni previdenziali a circa 600/700 “braccianti” che non hanno maturato alcun requisito per accedere alle prestazioni previdenziali ed assistenziali, configurando con ciò una vera e propria tentata truffa nei confronti dell’Ente di previdenza».