SI PARTE

L’Abruzzo a scuola, si comincia il 14 settembre. Priorità alla sicurezza degli edifici

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

341

SCUOLA CLASSE ELEMENTARI

ABRUZZO. E’ ormai questione di pochi giorni e si ritornerà di nuovo sui banchi di scuola. Il primo giorno per molti sarà il 14 settembre quando la prima campanella suonerà. Sul tavolo dell’istruzione sono due le priorità calde: l’esercito degli insegnanti precari da stabilizzare e la sicurezza degli edifici.

 Sul secondo punto i comuni e la Regione hanno stanziato diversi milioni di euro per eseguire piccoli e grandi lavori che hanno come obiettivo quello di una completa messa a norma di edifici e impianti per una sicurezza al 100% degli studenti.

Difficile da credere ma erano e sono ancora molti gli edifici non completamente a norma per esempio con gli obblighi antisismici, proprio in Abruzzo dove stiamo pagando ancora il prezzo del devastante terremoto de L’Aquila.

 Qui di seguito una panoramica generale e non esaustiva degli interventi effettuati in alcuni comuni. I più virtuosi sono partiti per tempo con i cantieri e si sono conclusi i lavori altri invece sono andati lunghi…

 

CHIETI: «2MLN DI EURO»

L’amministrazione del sindaco Umberto Di Primio ha stanziato 2mln di euro per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria nei plessi scolastici cittadini.

«In vista della riapertura delle scuole – ha evidenziato l’Assessore Di Felice - sono stati completati, in particolare, numerosi interventi nei plessi dei quattro Istituti Comprensivi cittadini. Quelli ancora in corso di esecuzione termineranno quanto prima e non comporteranno disagi allo svolgimento delle attività didattiche. L’obiettivo è permettere agli alunni di poter contare su strutture scolastiche efficienti ed accoglienti.»

Tra i lavori più rilevanti, l’intervento di adeguamento alla sicurezza in generale e al superamento delle barriere architettoniche della Scuola dell’infanzia e primaria “S. Andrea” (300.000,00 euro) e presso la Scuola dell’infanzia “Corradi” di via Gran Sasso (200.000,00 euro). Analoghi interventi sono stati effettuati presso la Scuola dell’infanzia di Madonna delle Piane (200.000,00 euro). Pertanto, le aule verranno riconsegnate in tempo per la riapertura dell’anno scolastico mentre gli interventi esterni (area a verde, pavimentazione ed intonaci) e quelli relativi alla copertura dell’edificio saranno portati a termine entro il mese di ottobre 2015.

Presso la Scuola primaria di Porta S. Anna è stato appena completato l’intervento di ristrutturazione del piano terra che ospiterà gli alunni della scuola dell’infanzia di via Valera.

Presso la Scuola primaria di Madonna delle Piane sono stati effettuati gli interventi di riparazione delle controsoffittature, danneggiate nel corso delle ultime copiose piogge.

Proseguono, nel frattempo, gli interventi di adeguamento sismico della Scuola media “De Lollis” (300.000,00 euro) che saranno ultimati entro il mese di febbraio 2016. Durante le lavorazioni, gli alunni verranno ospitati presso la Scuola S. Andrea.

Entro il mese di novembre saranno completati i seguenti interventi:

- ristrutturazione della Scuola materna di via dei Frentani (535.000,00 euro);

- interventi di adeguamento sismico della Scuola materna ed elementare di via Lanciano (660.000,00 euro) i cui alunni saranno smistati nelle altre scuole del Comprensivo 3.

Per quanto attiene alle infiltrazioni verificatesi presso la Scuola dell’infanzia e materna di Selvaiezzi, l’Amministrazione Comunale ha predisposto un intervento generale su tutta la copertura che sarà effettuato nel corso dell’anno scolastico ma che non influirà in alcun modo con l’attività didattica.

 SAN GIOVANNI TEATINO: TEMPI RECORD

 «Tutte le scuole di San Giovanni Teatino sono pronte per l'inizio dell'anno scolastico lunedì 14 settembre 2015». Ad annunciarlo con orgoglio è il sindaco Luciano Marinucci che ringrazia lo straordinario sforzo, efficienza e capacità organizzativa della ditta Chiola e dell'ingegnere Adriano Canonico, per completare i lavori di messa in sicurezza antisismica delle scuole primarie e secondarie di largo Wojtyla, istituto comprensivo tra i più grandi d'Abruzzo. «Solo la scuola dell'infanzia di largo Wojtyla aprirà il 21 settembre: una settimana per completare interventi di tinteggiatura».

«Nonostante la forte riduzione di trasferimenti statali, abbiamo deciso di mantenere immutati i servizi e le tariffe - commenta il sindaco Marinucci - perchè riteniamo imprescindibile investire sui nostri figli e il capitale umano della nostra comunità di domani. E' anche un modo per far sentire la nostra vicinanza e attenzione a famiglie e genitori che hanno dimostrato, nelle numerose riunioni con l'assessore Federico, grande disponibilità e intelligenza nel fare lavoro di squadra».

 PIANELLA: TUTTO PRONTO PER IL NUOVO ANNO SCOLASTICO

I mesi di agosto e settembre si sono rivelati intensi per il Comune di Pianella, alle prese con la risoluzione delle numerose problematiche logistiche derivanti dall’avvio di importanti opere di messa in sicurezza sismica di diversi istituti scolastici del territorio.

« Attualmente – spiega il sindaco Sandro Marinelli – abbiamo in corso le opere di messa in sicurezza sismica della scuola media Papa Giovanni XXIII e della scuola elementare di Cerratina ed abbiamo già espletato le procedure di gara anche per la primaria S. Giovanni Bosco e per la scuola dell’infanzia del capoluogo».

«Nello specifico – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Antonio Faieta – abbiamo concluso nei termini le opere alla elementare di Cerratina che pertanto, riaprirà regolarmente il 14 settembre, mentre abbiamo eseguito gli interventi di adeguamento della ex sede del Giudice di Pace che per l’anno scolastico prossimo ospiterà gli alunni della scuola media garantendogli tutte le necessità offerte da un edificio moderno, ampio e funzionale».

CEPAGATTI: LAVORI IN CORSO

Riaprirà regolarmente il 14 settembre prossimo la scuola primaria di via Forlani, a Cepagatti, dove nell’aprile scorso sono stati avviati i lavori, non ancora conclusi, per la messa in sicurezza.

Gli alunni di 14 classi rientreranno nel plesso scolastico, mentre due quinte saranno trasferite nella scuola secondaria di primo grado, in via Dante Alighieri, per consentire il completamento dell’intervento. Gli alunni delle due classi faranno ritorno nel plesso di via Forlani, salvo imprevisti, il 5 ottobre prossimo, data fissata anche per l’avvio del servizio di refezione nella mensa scolastica.

Lo hanno assicurato il sindaco di Cepagatti, Sirena Rapattoni, e altri amministratori nel corso di un'affollata riunione, che si è tenuta nei giorni scorsi in Municipio, alla presenza della dirigente  scolastica, Annamaria Piccinni, di alcuni insegnanti, dei rappresentanti dell’impresa che sta realizzando l'opera e dei genitori degli alunni.  

Ad eseguire i lavori nella scuola di via Forlani è la ditta “Lucente Mario & C, SAS” di Torre de’ Passeri, che si è aggiudicata la gara d’appalto nel dicembre dello scorso anno. L’intervento di messa in sicurezza prevede anche l’adeguamento sismico e statico ed è effettuato grazie al finanziamento di 1.100.000 euro concesso all’Amministrazione Comunale dal Governo nell’ambito del piano di edilizia scolastica denominato #scuolesicure. 

Saranno invece trasferite nelle materne di Villanova le 5 sezioni della scuola dell'infanzia di via Raffaele D’Ortenzio, a Cepagatti, dove è in corso un intervento di adeguamento sismico-strutturale, da parte della ditta "Cam Costruzioni" di Popoli: 4 sezioni andranno nell’asilo di via Pignatelli, mentre una sezione, quella dei piccolissimi, sarà ospitata nel plesso di via Milano. Per gli spostamenti, i bambini che non usufruiscono già del servizio di scuolabus potranno partire dal centro di raccolta istituito davanti al vecchio Municipio, in via Raffaele D’Ortenzio, dove saranno prelevati alle 9.15 dal pulmino messo a disposizione dal Comune.

Nella sede di Villanova gli alunni resteranno presumibilmente fino a Natale, termine indicato dalla ditta per la conclusione dei lavori sulla struttura. In estate, durante le vacanze, sarà portato a termine l'intervento di riconsolidamento del tetto dell’edificio. L’importo complessivo dei lavori è pari a 527.000 euro, di cui 377.000 finanziati dalla Regione Abruzzo nell’ambito dell’attuazione del Par FAS 2007/2013, e 150.000 a carico del Comune. 

E il sindaco chiede «pazienza» per i disagi.

PENNA  SANT’ANDREA, COMPLETATI I LAVORI SCUOLA IN FRAZIONE VAL VOMANO

Sono stati completati i lavori di riqualificazione e di messa in sicurezza dell’edificio scolastico che ospita sia l’asilo nido che la scuola dell’infanzia della frazione Val Vomano di Penna Sant’Andrea.  L’intervento è stato finanziato con fondi CIPE “Scuole d’Abruzzo – il futuro in sicurezza”, gestiti dall’Ufficio Speciale per la Ricostruzione di Fossa. I lavori hanno riguardato, in particolare, la messa in sicurezza della struttura portante dell’edificio, la ripresa di lesioni e la tinteggiatura finale delle pareti esterne ed interne.

A ROSETO «PROBLEMI IRRISOLTI»

A Roseto il Partito Democratico lamenta i ritardi nei lavori di preparazione e sistemazione dei plessi «con problemi irrisolti che creano disagi agli alunni e preoccupazione alle famiglie».

 Nella scuola di via Veronese «il cattivo odore permane, le cause sono incerte, i lavori di sistemazione in ritardo, gli alunni costretti ad emigrare, provvisoriamente, in altri plessi. Alle due nuove aule, inaugurate appena lo scorso fine gennaio con notevoli ritardi, è stata già rifatta la pavimentazione perché rovinata».

La scuola di via D’Annunzio «presenta ancora la pensilina dell’ingresso con calcinacci scrostati e ferri a vista, con erbacce che intasano le grondaie e infiltrazioni d’acqua. A conferma della pericolosità della stessa sulla porta d’ingresso è stato affisso un cartello che invita a non sostare sotto la pensilina. Insomma, un buon esempio di buona amministrazione pubblica attenta alla sicurezza e all’incolumità dei più piccoli».

A PINETO LAVORI IN 4 PLESSI

Quattro i plessi in cui si è lavorato nel corso dell'estate. Più specificamente, nei plessi di Scerne, del centro e di Calvano, sono stati portati a termine i lavori per l'adeguamento alla normativa antincendio, mentre nella scuola media del centro è stata rimossa la copertura in amianto. Il plesso di Borgo S. Maria risultava già in possesso di tutti i certificati. «A questo punto possiamo dire che, sia dal punto di vista della normativa antincendio sia dal punto di vista statico, le nostre scuole sono tutte a norma», ha spiegato l'assessore Mariani.

Da una recente indagine, è risultato che in provincia di Teramo meno del 25% delle scuole risulta a norma. «Il fatto che a Pineto il cento per cento delle scuole rispettino la legge, in anticipo rispetto ai termini previsti dalla stessa legge, è qualcosa di molto importante - ha proseguito l'assessore - ed era un dovere nei confronti dei nostri ragazzi e delle loro famiglie. Si tratta di un percorso frutto di una scelta politica lungimirante, per cui ringraziamo le precedenti amministrazioni, e che oggi porta Pineto all'avanguardia a livello provinciale». I fondi per i lavori sono stati sia di provenienza nazionale che interna.

 CAPISTRELLO: ROBUSTI INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI

L’ingegnere Di Giacomo ha illustrato, avvalendosi della relazione di vulnerabilità sismica, lo stato generale nonché strutturale dell’intero plesso scolastico Sabin. Precisando che lo stesso necessità di interventi strutturali importanti sul corpo palestra e sull’edificio di collegamento con la zona didattica, dichiarato attualmente inagibile. A tal proposito si è già provveduto ad incaricare un professionista per la redazione del progetto di adeguamento sismico e impiantistico.

Nel corso dell’incontro, il Sindaco Ciciotti, ha comunicato la disponibilità per un rapido intervento, con i fondi stanziati dall’attuale amministrazione nel bilancio di previsione 2015, per € 300.000,00 e inoltre ha già provveduto a richiedere alla Regione ulteriori fondi per il completamento degli interventi necessari.

Per quanto riguarda la scuola "Santa Barbara", che ospita la scuola dell'infanzia e primaria, l’ing. Di Giacomo ha annunciato l’avvio dei lavori di rifacimento integrale del tetto, per evitare continui interventi provvisori di manutenzione, ed il completamento della strada di accesso asfaltandola, dove finalmente si potrà transitare agevolmente ed in sicurezza.