LA DENUNCIA

Sasi. Il Comitato: «Dietro le emergenze idriche, la mala gestione di anni»

«I sindaci cambino immediatamente la dirigenza della Sasi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

107

Sasi. Il Comitato: «Dietro le emergenze idriche, la mala gestione di anni»

Domenico Scutti

VASTO. La drammatica emergenza idrica nel vastese di questi giorni, che rischia di danneggiare in maniera gravissima cittadini, industrie, agricoltori, imprese del turismo, «è la plastica dimostrazione di quanto andiamo dichiarando da ormai diversi anni».

E’ quanto afferma il Comitato Acqua Bene Comune Lanciano e Vasto sostenendo che ai disagi di oggi vanno aggiunte, al netto ovviamente della “presunzione di innocenza” e dell’essere ancora in fase di svolgimento degli iter, «le questioni giudiziarie che coinvolgono il presidente della Sasi e altri amministratori ed ex amministratori».

«E’ sempre più necessaria e vitale una netta svolta nella gestione di un bene comune che è dei cittadini, i cui diritti e necessità devono essere obbligatoriamente i primi tutelati e al centro di ogni azione», dice il Comitato, «non ci sembra in questi anni sia stato così. La procura di Lanciano sta descrivendo in questi mesi una situazione della depurazione (comunque già conosciuta e denunciata negli anni da associazioni e movimenti ambientalisti) tutt’altro che rosea. Varie sentenze hanno stabilito che non vanno imposti in bolletta i canoni della depurazione lì dove non è funzionante. Sembra un principio lineare e scontato (non vanno pagati costi per servizi che non ci sono), ma spesso non è così in tante parti d’Italia».

«I sindaci, che degli interessi della cittadinanza e del bene comune devono essere i primi garanti e strenui difensori, devono intervenire per mutare i vertici», sostiene il Comitato, «Le vicende giudiziarie, le emergenze idriche sempre più gravi e sempre più frequenti, la chiusura netta e totale alle istanze di cittadini e comitati, il mancato rispetto del referendum del Giugno 2011 che impone la restituzione (e la cessazione di ogni addebito in bolletta successivo) della “remunerazione del capitale investito” (investito dove e quando poi?), i dubbi sulla correttezza dei bilanci degli ultimi anni (sanzionati anche in Tribunale, è notizia di poco più di un mese fa – passata incredibilmente sotto silenzio e senza alcuna reazione istituzionale – la dichiarazione di illegittimità del bilancio 2009), i sempre più inaccettabili ritardi nella fusione con l’ISI, impongono un urgente, deciso, netto, immediato cambio di passo. Abbiamo aspramente criticato la scelta dei sindaci di confermare l’attuale presidente Scutti. Così come nel marzo scorso torniamo a chiedere loro di tornare indietro su quella scelta, rimuovere il primissimo possibile l’attuale dirigenza e realizzare questo necessario cambio di passo, che riporti al centro dell’azione della SASI  la tutela dei diritti e degli interessi della cittadinanza, scegliendo nei ruoli dirigenziali della società le migliori professionalità possibili, lontani da interessi particolari e di parte».