IN COMUNE

Comune L'Aquila, "prefetto sciolga consiglio comunale"

La richiesta di Forza Italia e Appello per l'Aquila

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

166

Comune L'Aquila, "prefetto sciolga consiglio comunale"

L'AQUILA. "Ho chiesto al signor Prefetto dell'Aquila di sciogliere il Consiglio Comunale dell'Aquila. Non può essere ulteriormente consentito una tal violenza nei confronti delle peculiarità amministrative dei Consiglieri Comunali, né della loro dignità politica". 

Così in una nota il capogruppo di Forza Italia, Guido Quintino Liris. La vicenda che innescato l'intervento di Liris è il bilancio di previsione sul quale i consiglieri non hanno tempo di approfondire. 

Entro il prossimo 31 luglio dovrebbe essere approvato il Bilancio di Previsione ma l'ok arriverà probabilmente il 20 agosto, rientrando comunque nei termini di legge della scadenza del 31 luglio. 

Ma c'è un problema non secondario: gli emendamenti ai documenti che vanno in Consiglio, infatti, devono essere presentati dai consiglieri di maggioranza e opposizione dieci giorni prima del consiglio stesso. Questo vuol dire che avendo convocato il consiglio ieri, 21 luglio, per il prossimo 30 luglio, non ci sono i dieci giorni necessari. 

Ma non è l'unico problema. Infatti i consiglieri di minoranza confermano che non è stato ancora inviato loro il testo del documento, e dunque non è possibile proporre modifiche a un testo che nessuno ha letto e conosce nel dettaglio.

Da qui la richiesta al prefetto di intervenire per "porre fine ad una costante e umiliante mancanza di rispetto nei confronti dei Consiglieri eletti, attivando le procedure per lo scioglimento del Consiglio". 

Secondo Liris i consiglieri dovrebbero avere la possibilità di poter approfondire ed approvare quanto stabilito dal sindaco e dalla sua Giunta. Nel caso in cui questo non avvenga, verrebbe meno una delle condizioni essenziali della vita democratica dell'Ente Comune. 

"Ebbene, il Comune dell'Aquila non è nelle condizioni di approvare il proprio Bilancio di Previsione entro il 31 luglio, ultimo giorno utile", continua l'esponente di Forza Italia: "è necessario, pertanto, che l'autorità prefettizia restituisca la dignità al Consiglio Comunale dell'Aquila, succube e prono alle volontà del Sindaco, decidendone lo scioglimento: è necessario un atto forte e risolutivo, che non consenta ulteriori forzature ed artefatti amministrativi".

Protesta anche Appello per L'Aquila che attraverso Ettore Di Cesare spiega: "Questa convocazione nega, da regolamento e nei fatti, la possibilità per i consiglieri comunali di presentare emendamenti e al Collegio dei revisori di rispettare le tempistiche stabilite dal Regolamento di contabilità".

Di Cesare parla di una situazione "oltre ogni decenza" e spiega di aver segnalato il problema al  Prefetto.