SANITA'

Ospedale di Tocco, poco personale anche qui: «gravi disagi»

Il presidente della Provincia di Pescara scrive ad Asl e Regione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

434

Ospedale di Tocco, poco personale anche qui: «gravi disagi»

TOCCO. Poco personale anche all’ospedale di Tocco Quello della carenza di organico è una piaga molto diffusa dopo i tagli imposti alle spese e dunque anche al personale. Il disagio emerge e si manifesta in tutta la sua potenza nel periodo estivo dove c’è l’esigenza per i più delle ferie ma non vi è personale sufficiente per la turnazione o le sostituzioni temporanee.

Dopo aver effettuato un sopralluogo presso l’ospedale di Tocco da Casauria e aver raccolto le istanze del personale medico e del sindaco Luciano Lattanzio, il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, ha scritto una lettera indirizzata al governatore Luciano D’Alfonso e al manager della Asl Claudio D’Amario.

«Lunedì scorso ho avuto il piacere di visitare il presidio sanitario di Tocco da Casauria – spiega il presidente Di Marco -. Insieme al sindaco Luciano Lattanzio abbiamo incontrato il personale e effettuato un sopralluogo presso i reparti. Ho scoperto una realtà all'avanguardia, segnata in positivo dalla digitalizzazione (reparto di radiologia) e da un instancabile lavoro (35/40 prelievi al giorno nel laboratorio analisi). Nel polo sanitario, nello specifico, confluiscono le attività di: U.O. di Medicina del Lavoro; ambulatorio di Medicina dello Sport; medicina di base specialistica ambulatoriale; ambulatorio Malattie Metaboliche /Diabetologia; day-service  Endocrinologia /Diabetologia – Area Maiella Morrone; servizio RSA (40 posti letto); Centro Salute Mentale; punto prelievi; consultorio; servizio radiologia/ ecografi; e. SerT. Quest’ultimo reparto è un vero fiore all'occhiello del nosocomio: 1000 utenti censiti, 120 somministrazioni al giorno e 176 utenti in carico allo stato attuali, provenienti da tutti i comuni limitrofi (come Bolognano, Manoppello, Letto, Scafa, Bussi, ecc.)».

Come tutte le grandi realtà, però, ha bisogno di un ulteriore livello di attenzione.

Il direttore sanitario, dottor Antonio Greco, ha illustrato nel dettagli i problemi che sono costretti ad affrontare quotidianamente, uno su tutti, la carenza di personale.

Al momento esiste una grave carenza di personale infermieristico, 10 operatori, dovuto in parte a mancato rinnovo di incarichi  professionali a tempo determinato e mancato turn over per pensionamenti, che rende spesso impossibile la formulazione dei turni di servizio, soprattutto quando si aggiungono evenienze come insorgenza di malattie e necessità a godimento di ferie irrinunciabili.

«Il dottore Greco, inoltre,  mi ha segnalato», scrive il presidente della Provincia, «la mancata attribuzione di 5 ore/settimanali di specialistica ORL e 12 ore/settimanali di specialistica ecografia, che certamente contribuiscono ad allungare le già chilometriche liste di attesa».   

Una missiva è stata indirizzata al governatore Luciano D’Alfonso e al manager della Asl Claudio D’Amario, allo scopo di «richiamare l’attenzione dell’Amministrazione regionale e delle autorità competenti della ASL sulla situazione di grave carenza degli organici nel presidio sanitario di Tocco da Casauria. I dati forniti dal personale medico dicono con tutta evidenza che,  con gli attuali organici,  sono in serio pericolo efficacia ed efficienza dell’intervento sanitario, con  inevitabili disagi per l’utenza».