FIAMME DOLOSE

Discarica Colle Marcone, oggi via libera ad un primo sopralluogo

Comune Chieti alla regione fondi per la messa in sicurezza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

362

Discarica Colle Marcone, oggi via libera ad un primo sopralluogo

CHIETI. Si è svolta ieri pomeriggio la riunione tecnica per fare il punto della situazione sull’incendio che ha interessato un’area adibita a discarica in località Colle S. Antonio per stabilire i provvedimenti necessari per la tutela del territorio e la salute dei cittadini.

Il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, ha ripercorso, preliminarmente, l’iter del processo che, nel 2012, ha portato alla condanna del titolare della discarica, disponendo a carico di quest’ultimo la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti.

La condanna in Appello nel 2013 ha confermato la sentenza di primo grado e si è ora in attesa della pronuncia della Corte di Cassazione.

Nel corso della riunione di ieri pomeriggio si è stabilito che il Comune di Chieti, su preventiva autorizzazione degli organi giudiziari, nella giornata di oggi entrerà nel sito in questione per procedere, tramite personale competente incaricato, ad effettuare una esaustiva ricognizione tecnico-estimativa per la completa rimozione dei rifiuti che si trovano ancora sul posto.

Ieri, infatti, Di Primio è andato alla Procura della Repubblica per concordare le modalità di accesso all’area della discarica così da consentire la messa in sicurezza della stessa rimuovendo i rifiuti dati alle fiamme. La Corte d’Appello ha autorizzato l’accesso dunque oggi via libera ad un primo sopralluogo per una prima stima della situazione per poter procedere alla messa in sicurezza del sito.

Il sindaco ha chiesto all’assessore all’Ambiente Mazzocca un impegno per avere un ristoro che possa aiutare il Comune a coprire le spese che bisognerà affrontare in questa fase in cui il primo obiettivo è la messa in sicurezza dell’area. E’, infatti, impensabile che il Comune possa sborsare centinaia di migliaia di euro. 
Quanto ai risultati delle analisi effettuate dall’Arta gli esiti hanno ridimensionato le preoccupazioni del primo momento. Ieri è stato stabilito che l’Agenzia regionale dovrà fornire «con i tempi tecnici minimi consentiti» alla Asl, all’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale (IZS) e agli Enti interessati, i risultati delle analisi chimico-fisiche sui campioni di acqua di ruscellamento derivante dallo spegnimento dell ‘ incendio già prelevati e in corso di lavorazione.

Analogamente fornirà i risultati delle analisi dei prelievi di inquinanti atmosferici effettuati con campionatori passivi posizionati nell’  area interessata.

Invece la Asl, con il supporto di IZS, per valutare l’ esistenza di potenziali rischi per la salute umana legati agli alimenti, seguirà l’effettuazione delle indagini analitiche sui prodotti alimentari e zootecnici, che verranno condotte dall’ IZS e i cui risultati definitivi si stima possano essere disponibili nei prossimi 10 giorni. Per integrare le indagini ambientali con quelle sanitarie, è stato istituito un Tavolo Tecnico coordinato dal Dipartimento di Prevenzione della Asl di Chieti e composto da rappresentanti dell’Arta e dell’  IZS.

L'assessore Mazzocca ha, infine, riconvocato il vertice per il prossimo lunedì 13 luglio al fine di monitorare l'andamento delle attività.