CRISI E LAVORO

Chiude la Dialifluids, inscenato funerale in paese

Per 110 dipendenti cigs da oggi fino al 31 agosto, poi mobilità

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

320

Chiude la Dialifluids, inscenato funerale in paese

CANOSA SANNITA.  I lavoratori della Dialifluids di Canosa Sannita (Chieti), dove ha sede lo stabilimento della multinazionale tedesca Fresenius Medical Care che ha chiuso venerdì scorso i cancelli, hanno inscenato per le vie del paese il funerale della fabbrica specializzata nella fabbricazione di sacche per la dialisi; per i 110 dipendenti (quasi tutti residenti nel comprensorio di Canosa) da oggi e fino al 31 agosto ci sarà la cassa integrazione straordinaria e poi la mobilità. Il sindaco di Canosa Sannita, Lorenzo Di Sario, lascia però aperte le porte alla speranza di una soluzione in extremis.

«Noi come istituzioni continueremo a lavorare come abbiamo fatto anche prima e come continueremo a fare anche in futuro. Posso comunicare ufficialmente che per il 6 luglio é stata convocata un'altra riunione presso il Ministero per lo Sviluppo Economico dove andremo a discutere su una proposta arrivata negli ultimi giorni e concordata con la Regione. Stiamo seguendo un'altra strada e un'altra possibilità per cercare di salvare i posti di lavoro. Colgo l'occasione per ringraziare il vice presidente della Regione Lolli per continuare a seguire con impegno questa vertenza».

 Il rappresentante dei lavoratori e delegato Uil, Alessandro Primante, ha chiesto «chiarezza dopo l'incontro di tre settimane fa a Roma quando sarebbe emerso per il sito di Canosa l'interesse di tre aziende italiane». «Notizia - ha aggiunto - che poi é stata smentita la settimana scorsa nei colloqui avuti all'Associazione Industriale. Vorremmo solo capire chi dice il vero».