SANITA'

Cup Vasto, difficoltà organizzative e problemi per gli utenti»

La denuncia dei consiglieri comunali di minoranza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

245

CUP LISTE D'ATTESA OSPEDALE

Il Cup

VASTO.  Cosa accade al CUP, Centro Unico di Prenotazione, presso l’ospedale di Vasto?

Giungono, infatti, numerose le lamentele da parte dei cittadini che vedono aumentate le difficoltà di relazione con una realtà che, invece, dovrebbe favorire i collegamenti e gestire le prenotazioni per esami diagnostici e visite presso le strutture della ASL Lanciano Vasto Chieti e le altre della regione.
Dal gennaio di quest’anno, la gestione del CUP è stata affidata al gruppo GPI di Trento, un gruppo di aziende controllate o partecipate dalla capofila GPI  spa, una società che opera nel mercato della sanità e del sociale. In virtù del subentrare di questa nuova realtà di gestione, molte cose sono cambiate per il CUP presso l’ospedale di Vasto e, a quanto sembra, tali cambiamenti hanno comportato difficoltà organizzative i cui effetti ricadono sull’utenza.

«Parte del personale addetto», raccontano i consiglieri comunali Massimo Desiati, Andrea Bischia, Etelwardo Sigismondi, Davide D’Alessandro e Nicola Del Prete, «è stato infatti sostituito con unità operative i cui corsi di formazione sembra non essere stati adeguati, nei modi e nei tempi, ai compiti per i quali sono state assunte, oltretutto per esigenze immediate il cui soddisfacimento avrebbe dovuto comportare una diversa preparazione. E’ mancato, inoltre, un organico affiancamento nelle attività già svolte dal personale rimasto operativo che, certo e al contempo, non può svolgere attività di istruzione e, contemporaneamente, attendere alle normali mansioni di lavoro».

Altra situazione che denunciano i consiglieri comunali è quella che scaturisce dalla scomparsa della figura del coordinatore delle attività: «infatti la sua opera assicurava non soltanto l’organizzazione del lavoro interno del CUP di Vasto ma, soprattutto, gli indispensabili collegamenti con gli altri ospedali della ASL n° 2 e con quelli delle altre ASL della regione per l’effettuazione delle attività sanitarie richieste».

«Vale la pena ricordare, inoltre», chiudono i consiglieri, «come, con la nuova gestione, apparrebbero sensibilmente diminuite le retribuzione degli operatori addetti allo svolgimento delle mansioni già precedentemente assegnate e questo nonostante il capitolato speciale per l’affidamento del servizio CUP prevedesse, oltre al riassorbimento del personale già impiegato, l’obbligo di attuare, nei confronti dei dipendenti occupati nelle prestazioni, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti di lavoro collettivi. Così come prevedesse, da parte degli operatori, il possesso di livelli di professionalità per il settore oggetto delle attività da svolgere».