LA DECISIONE

Riscossione tributi, Comune Montesilvano: la Soget è fuori

Approvata la mozione del Movimento 5 Stelle

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

593

Riscossione tributi, Comune Montesilvano: la Soget è fuori

MONTESILVANO. Il Consiglio Comunale di Montesilvano ha approvato la mozione per l'internalizzazione della riscossione tributi promossa dal Movimento 5 Stelle.

Dunque i grillini sono riusciti ad ottenere (per il momento è solo un impegno assunto dalla giunta) il mancato rinnovo alla Soget S.p.A. della concessione del servizio di accertamento e riscossione dei tributi (canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, Imposta Comunale sulla Pubblicità e Diritti per le pubbliche Affissioni, IMU e TASI) in scadenza al 30 giugno prossimo e di procedere direttamente allo svolgimento del servizio con personale comunale.

La stessa richiesta è stata avanzata dai pentastellati anche al Comune di Montesilvano e l’iniziativa è nata dopo che la Soget è finita in una inchiesta della Procura di Pescara che sta indagando su alcuni presunti mancati recuperi da parte della società. Al momento si conta anche un indagato: Gaetano Antonio Monaco, procuratore della Soget, che secondo l’ipotesi accusatoria avrebbe abusato della sua posizione di concessionario per il servizio di riscossione a favore del Comune di Pescara e «avallato pretestuose dichiarazioni di inesigibilità del credito».

Il fine sarebbe stato quello di ottenere «un ingiusto vantaggio per la Sogetà ed un danno per il Comune derivante dal mancato introito». «Abbiamo verificato che il personale del Comune di Montesilvano ha competenza e capacità per provvedere internamente ai servizi di accertamento e riscossione dei tributi locali», ha spiegato il consigliere comunale Manuel Anelli. «Dopo anni, andiamo a mettere ordine in un campo nel quale c’è stata una superficialità amministrativa notevole, anche alla luce delle indagini giudiziarie pescaresi».

Il Comune di Montesilvano risparmierà immediatamente almeno 300.000 euro all’anno e il Movimento 5 Stelle chiede all’amministrazione di poter utilizzare questa somma per alleggerire la pressione fiscale sui cittadini.  

La decisione di non rinnovare la concessione alla Soget «è stata presa nell'ottica della spending review, del contenimento dei costi ma anche di incentivare un rapporto collaborativo con i cittadini. Si tratta di un servizio pubblico essenziale, dunque, bisogna valutare la situazione attuale dei contratti, i costi, i benefici e le professionalità che abbiamo all'interno degli uffici»,  ha commentato l'assessore ai Tributi Caterina Verrigni. La mozione, illustrata dal consigliere pentastellato Manuel Anelli, è stata approvata all'unanimità dall'assise.  Con l'approvazione dunque adesso la Giunta si impegna a valutare l'ipotesi di effettuare il servizio all'interno del Comune o costituendo una società in house.

Il Consiglio ha provveduto anche alla nomina dei consiglieri Debora Comardi e Gabriele Straccini quali membri della Commissione Comunale per l'aggiornamento dei Giudici Popolari.  Unanimità per la realizzazione di una cabina elettrica di trasformazione in un'area di proprietà privata in via Verdi.

Parere favorevole per la mozione della consigliera Comardi sulla piantumazione di due alberi all'interno del parco Falcone, per ogni albero abbattuto in città.  Il Consiglio ha infine approvato l'istituzione di un Disability Manager, proposto dai 5 Stelle, ossia un dirigente, una figura responsabile che coordinerà l'attività dell'Amministrazione Comunale in materia di disabilità, nell'ottica dell'inclusione sociale e di integrazione.