POLITICA

Emergenza porto di Fossacesia, Sospiri: «problema irrisolto»

Tutto fermo allo sblocco dei fondi ex Pain

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1644

Marina del sole di Fossacesia


FOSSACESIA. «Il risanamento e la messa in sicurezza del porto di Fossacesia continuano a restare un’emergenza irrisolta dal Governo regionale».
La denuncia arriva del capogruppo Forza Italia, Lorenzo Sospiri, che oggi in Consiglio regionale ha presentato una interpellanza sul caso. «D’Alfonso», racconta Sospiri, «ha confessato di essere ancora ferma allo sblocco dei fondi ex Pain, che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni, passo fondamentale per l’inizio dei lavori. A questo punto attenderemo i ‘prossimi giorni’, per poi tornare alla carica sulla grave criticità».
Il porto turistico di Fossacesia, Marina del Sole, rischia la distruzione. La vicenda è iniziata l’11 novembre 2013, quando una violenta ondata di maltempo ha fortemente danneggiato la struttura, come segnalato dal Comune con una nota indirizzata il 12 novembre del 2013 alla Regione Abruzzo-Servizio Opere Marittime, manifestando la problematica dell’erosione che aveva compromesso buona parte del porto e del litorale.
Il prefetto di Chieti ha convocato una riunione tecnico-istituzionale il 14 dicembre 2013 per individuare ed emanare i provvedimenti e le misure di protezione della struttura portuale. Misure ripetute con una ulteriore nota, sempre firmata del Prefetto di Chieti, inviata alla Regione Abruzzo-Servizio Opere Marittime il 16 dicembre, in cui è stata ribadita l’urgenza massima di adottare le misure idonee a tutelare il porto, vista la rilevanza turistica e funzionale della struttura, che peraltro permetteva anche di ospitare le motovedette delle Forze dell’Ordine. 

In seguito lo stesso titolare del manufatto ha cercato di interpellare le Opere Marittime di Pescara, senza riuscire ad avere riscontri. Poi però c’è un salto di un anno e mezzo e il 4 febbraio 2015, dunque Governo D’Alfonso, la Regione Abruzzo-Servizio Opere Marittime ha scritto al Prefetto di Chieti e alla Capitaneria di Porto di Ortona, riconoscendo la rilevanza della criticità, ribadendo la disponibilità dei fondi ex Pain, pari a 350mila euro, di cui il Cipe dovrebbe procedere all’approvazione.
Il Comune di Fossacesia il 12 febbraio 2015 ha di nuovo sollecitato la Regione Abruzzo a eseguire con urgenza l’intervento di messa in sicurezza dello scalo portuale, che oggi versa in una situazione drammatica visto che le mareggiate dello scorso 5 e 6 marzo hanno reso inagibile l’accesso alla struttura.
«Per tale ragione», spiega Sospiri, «abbiamo presentato l’interpellanza al presidente D’Alfonso e all’assessore delegato Di Matteo per sapere a che punto si trova la procedura. Purtroppo dall’assessore Di Matteo – ha proseguito il capogruppo Sospiri – abbiamo sentito il solito ritornello che sentiamo dagli Uffici già dai tempi della giunta Chiodi, ovvero che nei ‘prossimi giorni’ si dovrebbe partire. Sino a oggi quei giorni si sono allungati, diventando mesi e anni, intanto l’urgenza rimane e la struttura portuale è fortemente danneggiata. Ora iniziamo a contare quanti saranno i ‘prossimi giorni’ entro i quali dovrebbero sbloccarsi i fondi ex Pain necessari per finanziare le opere, in caso di esito negativo torneremo a sollevare la criticità».