MAFIA

Ricostruzione L’Aquila. Sequestro da 1,8 mln di euro all’imprenditore Di Tella: «contiguità con la Camorra»

Coinvolto nell'inchiesta 'Dirty Job' su infiltrazioni in appalti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1715

Ricostruzione L’Aquila. Sequestro da 1,8 mln di euro all’imprenditore Di Tella: «contiguità con la Camorra»



L'AQUILA. I Finanzieri del Comando Provinciale dell'Aquila, in applicazione della normativa antimafia, hanno eseguito il sequestro di beni per circa un milione 800 mila euro riconducibili a imprese legate all'imprenditore casertano Alfonso Di Tella e a suo famigliari. Da anni trapiantato all'Aquila, Di Tella fu arrestato, tra gli altri, insieme ai figli Cipriano e Domenico, nell'ambito dell'inchiesta "Dirty job" nel giugno 2014. Le indagini fecero emergere un'infiltrazione nella ricostruzione post sisma terremoto di imprese edili "aventi elementi di possibile contiguità con la consorteria criminale di stampo camorristico denominata 'clan dei Casalesi'".
Alfonso Di Tella e i figli, insieme a colleghi aquilani finiti nei guai nella stessa indagine, «si erano progressivamente affermati nel business della ricostruzione privata, quella caratterizzata da affidamenti diretti, cioè senza gara, fatti dagli stessi proprietari degli immobili danneggiati dal sisma del 6 aprile 2009». Il Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (Gico) del Nucleo Polizia Tributaria dell'Aquila, coordinato e diretto dal Procuratore della Repubblica e distrettuale antimafia, Fausto Cardella, e dal sostituto David Mancini, ha eseguito ulteriori indagini per accertare tenore di vita, disponibilità finanziarie e, più in generale, consistenza patrimoniale dei soggetti indagati, esaminando le attività economiche esercitate dai medesimi, per individuare le lecite fonti di reddito e verificare le sussistenze delle condizioni di applicabilità del disposto normativo presunto dall'art. 20 del D.lgs. 159/2011. 

Al termine dello screening patrimoniale è emersa la disponibilità, anche indiretta, in capo ai suddetti, di numerosi cespiti di valore sproporzionato rispetto al reddito lecito dichiarato, da ritenersi quindi frutto e/o reimpiego degli illeciti guadagni.
Il provvedimento di sequestro, emesso dal Tribunale dell'Aquila - Sezione Misure di Prevenzione - a seguito di richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) della Procura della Repubblica dell'Aquila è stato eseguito dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria dell'Aquila in collaborazione con i colleghi dei Comandi Provinciali di Parma, Roma, Napoli, Benevento e Caserta e ha riguardato il patrimonio riconducibile ai Di Tella, tra i principali indagati di "Dirty Job", costituito da terreni, immobili, beni mobili registrati, quote societarie, capitale sociale e l'intero patrimonio aziendale, comprese le disponibilità finanziarie detenute anche per interposta persona in valore sproporzionato al reddito dichiarato, da ritenersi frutto e/o reimpiego degli illeciti guadagni derivanti dalla commissione dei reati.