DI TASCA LORO?

Regione Abruzzo: gli assessori rinunciano alla carta di credito

Rimborsate solo spese di viaggio e alloggio all’estero. Le missioni italiane sono a carico di Presidente e assessori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

913

Regione Abruzzo: gli assessori rinunciano alla carta di credito

D'Alfonso




ABRUZZO.  La Giunta regionale abruzzese, su proposta del presidente Luciano D'Alfonso,  ha approvato una delibera riguardante l'utilizzo delle carte di credito istituzionali da parte degli assessori e del governatore. Nel provvedimento si specifica che i componenti la Giunta rinunciano all'uso della carta di credito; inoltre viene creata una carta di credito unica per le missioni istituzionali effettuate all'estero e vengono previsti criteri piu' stringenti per il rimborso delle stesse.
Nel dettaglio, la Giunta ha deciso di rinunciare all'attribuzione della carta di credito prevista in dotazione al presidente e agli assessori; di revocare la delibera di Giunta regionale n. 398 del 3.3.1999, che attribuisce sia al presidente della Giunta regionale che agli assessori una carta di credito per il pagamento delle spese effettuate in occasione di missioni istituzionali in Italia ed all'estero; di stabilire che a disposizione del presidente e degli assessori e' prevista un'unica carta di credito, nella materiale disponibilita' del Direttore generale dell'ente Cristina Gerardis che procedera' ad assegnarla - previa formale richiesta e a seguito di delibera di autorizzazione adottata dalla Giunta regionale - al componente la Giunta che dovra' effettuare una missione istituzionale all'estero, limitatamente al pagamento delle spese di viaggio e delle spese di solo alloggio; questi sara' tenuto a restituirla al Direttore generale al rientro dalla missione istituzionale.

Inoltre e' stato stabilito di modificare l'art. 6 del Disciplinare recante disposizioni per le spese di rappresentanza, per le spese connesse a missioni istituzionali del presidente della Giunta regionale e degli assessori e per l'utilizzo delle autovetture di rappresentanza e di servizio, approvato con delibera di Giunta regionale n. 379 del 19 maggio 2014. La nuova normativa prevede che le spese effettuate in occasione di missioni istituzionali, nell'ambito del territorio nazionale, sono a carico del presidente e degli assessori regionali, e che le spese sostenute in occasione di missioni istituzionali all'estero sono a carico della Regione Abruzzo, limitatamente alle spese di viaggio e di solo alloggio, specificando che i componenti della Giunta regionale potranno utilizzare per le predette spese la carta di credito unica, oppure potranno essere dagli stessi anticipate e successivamente rimborsate, nei limiti e nei termini previsti dal citato Disciplinare.
Dal luglio scorso la Giunta approva ogni mese una delibera - denominata "anti-privilegi" - con la quale si elencano le missioni istituzionali effettuate e la totale gratuita' delle stesse per le casse della Regione.