IATTURA ELETTRONICA

PA, Fattura elettronica: nuova grana per le imprese. Dal 31 marzo obbligatoria per tutti

Unico metodo consentito per imprese che lavorano con amministrazioni pubbliche

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10048

PA, Fattura elettronica: nuova grana per le imprese. Dal 31 marzo obbligatoria per tutti




ABRUZZO. Dal 31 marzo 2015 scatta l’obbligo di fatturazione elettronica (in vigore dal 6 giugno 2014 per le amministrazioni centrali) che viene dunque esteso a tutta la PA.
Questo vuol dire che ogni impresa fornitrice sarà tenuta ad emettere fattura elettronica verso tutta la Pubblica Amministrazione, centrale e locale.
La recente circolare esplicativa del Ministero specifica nel dettaglio l’elenco dettagliato: Ministeri (incluse le scuole di ogni ordine e grado), agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza e assistenza sociale, Regioni, Province, Comuni, Comunità montane e tutte le amministrazioni centrali. Rientrano nell’elenco anche, come si legge nella circolare, «le amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le istituzioni universitarie, le Camere di Commercio, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, il Coni, tutti gli enti pubblici non economici compresi gli ordini professionali, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni».
La trasmissione delle fatture elettroniche destinate all’amministrazione dello stato avverrà attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), che funge da “snodo” tra gli attori interessati dal processo di fatturazione elettronica. Il Sistema di Interscambio è un sistema informatico, gestito dall’Agenzia delle Entrate, in grado di ricevere le fatture sotto forma di file con le caratteristiche della FatturaPA; effettuare controlli sui file ricevuti; inoltrare le fatture alle Amministrazioni destinatarie.
Il Sistema di Interscambio non ha alcun ruolo amministrativo e non assolve compiti relativi all’archiviazione e conservazione delle fatture. Effettua su ogni file FatturaPA dei controlli formali necessari per garantire il corretto inoltro al destinatario.

COME FARE
Per inviare al Sistema di interscambio i file FatturaPA e i file archivio, sono necessarie alcune operazioni che sono definite nel Decreto Ministeriale 3 aprile 2013, numero 55, contenente il regolamento attuativo, come previsto dalla Finanziaria 2008.
L’ Operatore economico può predisporre, emettere e trasmettere autonomamente la fattura elettronica oppure avvalersi di un Intermediario .
Il Ministero dell' Economia e delle Finanze fornisce servizi e strumenti informatici per la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture nel formato previsto dal Sistema di Interscambio: questi servizi sono disponibili gratuitamente per le PMI abilitate al MEPA sul sito www.acquistinretepa.it. Assistenza ed informazioni al numero verde 800 906 227.
Sul sito AgID sono inoltre fornite indicazioni "per il supporto per lo sviluppo di strumenti informatici "open source" per la fatturazione elettronica".

IL SITO "FATTURAPA"
All’interno di www.fatturapa.gov.it è prevista una sezione dedicata ai servizi/strumenti, differenziati per utente (operatori economici, PA e intermediari), che consente di: gestire le procedure di accreditamento dei canali (web, web service, SpCoop, Ftp, Pec); controllare la correttezza o meno del contenuto della fattura replicando i controlli effettuati dal Sistema di Interscambio; monitorare lo stato, all’interno del perimetro del Sistema di interscambio, delle fatture transitate attraverso il medesimo Sistema; simulare, per un periodo determinato di tempo, le fasi del processo (compilazione, invio, ricezione di fatture e notifiche) e ricevere assistenza da personale tecnico, tramite l’invio di mail a un contact center.

LINK UTILI
LA CIRCOLARE ESPLICATIVA

ESEMPI DI FATTURE

LE SIMULAZIONI

COME PREDISPORRE LA FATTURA

COME FIRMARE LA FATTURA

COME INVIARE LA FATTURA

DOPO L’INVIO DELLA FATTURA