DOPO IL SISMA

Fondo Immobiliare L’Aquila, cittadini chiedono aiuto al Comune: «soluzioni trasparenti»

Dal 31 marzo stop ai contributi di assistenza alla popolazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2589

Fondo Immobiliare L’Aquila, cittadini chiedono aiuto al Comune: «soluzioni trasparenti»




L’AQUILA. Una raccomandata tra capo e collo per i cittadini ospiti del Fondo Immobiliare.
Il mittente? Il Comune de L’Aquila che comunica che a fine marzo cesseranno tutte le forme di assistenza alla popolazione per i cittadini che percepiscono il Cas o alloggiano in abitazioni in affitto concordato o del Fondo immobiliare.
Una doccia gelata per quegli aquilani che a 6 anni dal sisma non sono ancora riusciti a rientrare nelle loro abitazioni. «E’ una decisione assunta forse con leggerezza», denunciano i cittadini che vivono nel Fondo Immobiliare e che si sono riuniti in Comitato, «dal momento che gli alloggi disponibili (Progetto Case e Map) allo stato attuale, sono assolutamente insufficienti ad ospitare tutte le famiglia (circa 450 famiglie a fronte di 75 unità abitative). Pertanto il Comune sarà obbligato a prorogare le varie forme di assistenza, soprattutto il Cas. A questo punto è obbligatorio chiedersi quali siano i criteri che il Comune sta adottando nel procedere allo spostamento della popolazione assistita in Case e Map. L'onore economico? L'entità dei nuclei familiari? Le fragilità sociali? Oppure il Comune spera che la maggior parte dei cittadini, pur di evitare l'ennesimo trasloco e un ulteriore doloroso stravolgimento della propria vita, scelga di rinunciare ad ogni forma di assistenza, rendendo così le cose più facili per chi ci amministra?»

Tutti interrogativi che probabilmente verranno svelati solo nei prossimi giorni.
In una situazione ancora più difficile si trovano le famiglie ospitate nel Fondo Immobiliare che dovranno lasciare comunque l'alloggio, dal momento che Europa Risorse non intende aprire trattative di sorta.
«Noi chiediamo alla Amministrazione», chiedono i cittadini, «di farsi carico di questa situazione facendo da tramite tra cittadini e Fondo immobiliare per individuare soluzioni trasparenti ed eque, che non discriminino nessuno: né chi ha la fortuna di rientrare in casa propria in tempi brevi, né chi, al contrario, ha la sfortuna di dover fare i conti con tempi molto più lunghi».
«L'operazione "Fondo Immobiliare"», denuncia il Comitato, « è servita a salvare costruttori in difficoltà e banche creditrici, ma fu posta in essere per accogliere gli "sfollati", altrimenti non sarebbe stata possibile. Oggi, la stessa operazione (che comunque continua a garantire a Europa Risorse lauti guadagni) non può tramutarsi esclusivamente in business, sulla pelle dei cittadini aquilani. Noi non lo permetteremo».