LE CARTE

Dopo le “bugie” ecco la verità sul contratto sessuale tra De Fanis e Zingariello

La verità raccontata dai protagonisti… al telefono. E spunta una sospetta estorsione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5303

Dopo le “bugie” ecco la verità sul contratto sessuale tra De Fanis e Zingariello

De Fanis e Zingariello



ABRUZZO. Non bastavano le presunte tangenti per lavorare nel campo della Cultura. Non bastava un vorticoso giro di denari sui vari conti dei principali protagonisti, la brutta storia delle accuse all’ex assessore De Fanis è stata condita anche da più “depistaggi” e “bugie” sul ben più famoso contratto sessuale.
La vicenda è emersa nell’ambito dell’inchiesta penale portata avanti dalla procura di Pescara e dalla Forestale che ha inchiodato l’ex assessore della giunta Chiodi grazie anche ad una rara confessione di uno degli imprenditori ai quali De Fanis avrebbe chiesto una mazzetta. Il pm Giuseppe Belleli ha da poco chiesto il processo per gli indagati mentre dalle carte emerge finalmente la verità sul contratto sessuale. 

Una verità di peso visto che viene chiarita dalle conversazioni intercettate dagli stessi investigatori. Sull’argomento la segretaria dell’assessore Lucia Zingariello avevano fornito diverse versioni, anche contrastanti, sia in sede di interrogatorio che nelle trasmissioni televisive alle quali hanno partecipato.
Secondo le risultanze investigative l’ex assessore avrebbe pagato 2mila euro al mese alla sua ex segretaria almeno da maggio 2013, in più c’era anche l’utilizzo “disinvolto” di una carta di credito intestata a De Fanis che nel frattempo aveva un conto in rosso di 32mila euro ed aveva chiesto un mutuo da 125mila euro.
Secondo gli investigatori lo stato di difficoltà finanziaria di De Fanis collimerebbe con il periodo temporale di richiesta di denaro ad imprenditori attenzionati nel corso dell’indagine.

LA STORIA DEL CONTRATTO SALTA FUORI DALLA ZINGARIELLO
Come già riferito mesi fa la vicenda del contratto sessuale è emerso in sede giudiziaria dalla stessa Lucia Zingariello che ne ha parlato durante uno degli interrogatori davanti al pm Bellelli. La notizia finì su Repubblica e divenne un caso nazionale con “l’aggravante” della pruriginosità. Di qui l’interessamento di numerose trasmissioni tv.
Il dettaglio del contratto fino al clamore mediatico non era stato ritenuto rilevante ai fini penali ma agli atti risulta un foglio strappato e poi ricomposto dalla Forestale rinvenuto all’interno di una cassettiera dell’ufficio di De Fanis all’assessorato di Pescara.
Sul foglio si legge:
“Sottoscritto Gigi De Fanis…..nuovo accordo….novembre….3000….Lucia a settimana….amore…con regalo…..cena con riconsiderazione della nostra situazione…..”.
La Zingariello ha riferito poi che l’ex assessore per adempiere al contratto le erogava un assegno (poi sequestrato).

21 OTTOBRE 2013, DE FANIS:«FACCIAMO UN CONTRATTO IO E TE?»
A chi viene l’idea di un contratto per regolare prestazioni sessuali? A De Fanis…

Luigi De Fanis: possiamo parlare?
Lucia Zingariello: si si si
Luigi De Fanis: ma come due innamorati? cioè con il cuore in mano?
Lucia Zingariello: come due persone civili educate e che ...
Luigi De Fanis: con il cuore in mano
Lucia Zingariello: sono due persone come si deve
Luigi De Fanis: ma possiamo fare un contratto io e te?
Lucia Zingariello: un contratto?
Luigi De Fanis: un contratto, chiamalo come vuoi amore non possiamo chiamarlo, possiamo parlare bene?
Lucia Zingariello: ne parliamo domani Gi (Gigi ndr)?
Luigi De Fanis: si va bene ti posso chiamare più tardi? senti mia moglie sta come una bestia dimmelo
Lucia Zingariello: non sono io la causa di tua moglie

IL RACCONTO DELLA PROPOSTA RICEVUTA ALL'AMICO
Due giorni dopo Zingariello parla della curiosa proposta con un amico al telefono

Lucia Zingariello: vuoi sapere l'ultima?
L'amico: eh…
Lucia Zingariello: se tu non avresti mai creduto a tutta questa storia se io te l'avessi raccontata
L'amico:  è vero
Lucia Zingariello: se io ti racconto l'ultima cosa tu non ci credi, tu dici questo è pazzo
L'amico: dimmi
Lucia Zingariello: ha detto che devo fare un contratto con lui, un contratto scritto, dove lui mi da tremila euro al mese
L'amico: si
Lucia Zingariello: e lui, cioè ti dico questo e tu ti rendi conto della pazzia e lui deve avere la possibilità di avere rapporti con me
L'amico: di che tipo?
Lucia Zingariello: di che tipo, di quel tipo
L'amico: glielo fai scrivere?
Lucia Zingariello: perchè sennò ha detto io impazzisco, se non ti riesco ad avere io impazzisco
L'amico: faglielo scrivere
Lucia Zingariello: quindi ha detto io ti firmo un documento, un contratto nostro mio e tuo che sapremo solo io e te dove io mi impegno a darti questi soldi e tu però mi devi dare questo in cambio perchè altrimenti io se non riesco ad averti impazzisco.

...ALLORA QUESTO CONTRATTO LO FACCIAMO?

Il giorno dopo ancora De Fanis riprende il discorso interrotto qualche giorno prima…

Luigi De Fanis: Senti, no, ma io e te dobbiamo fa' un contratto! Lo vuoi fare sto' contratto?
Lucia Zingariello: Dobbiamo fare un contratto, si facciamo il contratto!
...omissis...
Luigi De Fanis: Hai capito? Io e te dobbiamo fare un contratto Lu'!
Lucia Zingariello: Va bene!
Luigi De Fanis: Sto tranquillo io e stai tranquilla tu! Va bene?
Lucia Zingariello: Ok!
Luigi De Fanis: Tanto mi odi tu?
Lucia Zingariello: Io no, assolutamente!
Luigi De Fanis: E allora perchè non mi, non mi scrivi "ti voglio bene". Scrivimi una frase che mi rassicura! Per favore!
Lucia Zingariello: Gi'!
Luigi De Fanis: Va bene?
Lucia Zingariello: Ci rivediamo fra un po'.
Luigi De Fanis: Quanto sei cattiva! Che ti costa a scrive "ti voglio bene"? Guarda! T'avessi detto...E allora non lo vuoi fa' sto contratto con me? Lo vuoi fare o no amore mio?
Lucia Zingariello: Si, si, mettilo per iscritto!
Luigi De Fanis: La madonna! Tra me e te basta una stretta di mano!
Lucia Zingariello: Eh!
Luigi De Fanis: Mettiamo i termini e coso, va bene?
Lucia Zingariello: Ok!
Luigi De Fanis: Ehi, ti posso dire una cosa?
Lucia Zingariello: Dimmi!
Luigi De Fanis: sono andato in bagno un attimo, Gimmi è inondato!
Lucia Zingariello: Eheh?
Luigi De Fanis: Solo a te te lo posso dire!
Lucia Zingariello: Mh.
Luigi De Fanis: Amore dammi questo io ti do tutto! Ti faccio diventare quello che tu manco lo sai! Puoi fare quello che credi, ma non mi lasciare. Va bene?
Lucia Zingariello: Va bene.
Luigi De Fanis: Lo facciamo sto contratto?
Lucia Zingariello: Si! Scritto lo devi fare però.
Luigi De Fanis: Però che rimanga tra me e te...

CONTRATTO STRAPPATO

Il contratto –secondo la ricostruzione degli inquirenti- viene stipulato tra i due il 24 ottobre 2013 e poi strappato come si evince da un’altra conversazione tra Zingariello e l’amico

Lucia Zingariello: gli assegni me li ha fatti, il contratto me lo ha fatto e poi però non si è fidato e quindi me lo ha strappato
L'amico: ah
Lucia Zingariello: eee pero' io mo volevo tornare indietro e andare nel suo cestino dell'immondizia e riprenderlo
L'amico:  lo fai domani mattina amo'
Lucia Zingariello: e ma domani lo svuotano, devo dire a Concetta, mo telefono a Concetta e gli dico Conce per cortesia non far svuotare il cestino dell'assessore perchè ho strappato una cosa che gli serve
L'amico:  sì


Circa un ora dopo la Zingariello chiama la dipendente comunale Concetta Troilo chiedendogli di mettere da parte il cestino dei rifiuti perché deve recuperare un cosa strappata.

IL CONTRATTO RECUPERATO DAL CESTINO DELL'IMMONDIZIA: "MI STAI RICATTANDO?"

Dopo aver recuperato il contatto dal cestino dell’immondizia il 31 ottobre gli investigatori registrano una telefonata che ritengono particolarmente rilevante ed arrivano a sospettare un tentativo di estorsione da parte di Zingariello tanto da mandare gli atti alla procura di Lanciano che però non ha ritenuto di ravvisare dalle carte materiale utile per approfondire le indagini ed ha archiviato.

Luigi De Fanis: mi hai riportato quell'assegno di duemila per cortesia?
Lucia Zingariello: no non l'ho riportato
Luigi De Fanis: e be per favore te lo chiedo Luci' perchè se vuoi la mia rovina allora dillo francamente
Lucia Zingariello: io voglio la tua rovina? li hai fatti, quindi li hai fatti scoperti questi due assegni?
Luigi De Fanis: ma scusa perchè mi devi
Lucia Zingariello: gli assegni che hai fatto a me legati al contratto
Luigi De Fanis: ma posso fidarmi?
Lucia Zingariello: gli assegni che hai fatto al contratto, legati al contratto che mi hai fatto
Luigi De Fanis: mamma mia Lucia
Lucia Zingariello: e che mi hai fatto un bellissimo contratto no, due prestazioni
Luigi De Fanis: peggiori la situazione
Lucia Zingariello: due prestazioni a settimana
Luigi De Fanis: lasciamo stare
Lucia Zingariello: con annesso regalo
Luigi De Fanis: il contratto sta nei rifiuti
Lucia Zingariello: nei rifiuti? lo dici tu che sta nei rifiuti o povero a te (risatina n.d.r.)
Luigi De Fanis: e be va be e che me lo hai sottoscritto
Lucia Zingariello: sta nei rifiuti (risata n.d.r.)
Luigi De Fanis: Luci' mi stai minacciando al telefono, luci' mi stai minacciando al telefono, è grave
Lucia Zingariello: no, io ti sto minacciando? no io ti sto solo dicendo che il contratto non sta nell'immmondizia
Luigi De Fanis: che mi vuoi dire che mi vuoi fregare anche questi soldi?
Lucia Zingariello: tu mi hai detto sta nell'immondizia strappata e io ti sto dicendo Gi non è vero che sta nell'immondizia strappata
Luigi De Fanis: perche' lo sei andata a vedere?
Lucia Zingariello: sto soltando dicendo la verità
Luigi De Fanis: io l'ho lasciata nell'immondizia in mille pezzi
Lucia Zingariello: bravo
Luigi De Fanis: lo sei andata a riprendere tu? e va be che vuoi fare è firmato da te, tu sei capace
Lucia Zingariello: firmato da me? e secondo te io sono così scema che metto la firma dietro? (risatina n.d.r.)
Luigi De Fanis: ma Luci non è un problema scusa io mica l'ho fatto a una , a Luci ma mi stai incastrando fammi capire
Lucia Zingariello: a chi l'hai fatto, dimmi a chi l'hai fatto?
Luigi De Fanis: ma l'ho fatto a una minorenne l'ho fatto?
Lucia Zingariello: a chi l'hai fatto a l'amore della tua vita l'hai fatto?
...omissis...
Lucia Zingariello: non ti sto minacciando, sto parlando della verità
Luigi De Fanis: mi sti frega' i soldi mi sti frega'
Lucia Zingariello: sto dicendo che tu mi hai fatto un contratto, due prestazioni
Luigi De Fanis: e l'hai rispettato?
Lucia Zingariello: due prestazioni a settimana
Luigi De Fanis: e l'hai rispettato?
Lucia Zingariello: con un annesso regalo e con strappati assegni eee fatti per questa motivazione e un assessore regionale non credo che ci faccia una bella figura
Luigi De Fanis: no lo so lo so
Lucia Zingariello: non credo proprio Gigi
Luigi De Fanis: e Luci' ma Luci' se mi stai ricattando non va bene ?


Alla fine del rapporto la Forestale scrive: «L’ipotesi che il singolare contratto e l’audio registrato dalla Zingariello (tentativo di avvelenamento della moglie) siano stati utilizzati per un tentativo di estorsione nei confronti dell’ex assessore Regionale, è al vaglio della Procura di Lanciano per competenza territoriale e alla quale questa P.G. ha trasmesso entrambi i reperti».
Non risulta che la Forestale su questo versante abbia svolto ulteriori approfondimenti. L’ipotesi di estorsione e quella ben più grave di tentato omicidio sono state ritenute, invece, troppo vaghe per la procura di Lanciano e non sufficientemente provate  seppure in presenza di numerose conversazioni registrate.

a.b.