CAPPIO CORRUZIONE

Procuratore nazionale antimafia: «la corruzione è dilagante e non è mai stata combattuta»

Presentata la “Relazione Dna 2014”. Bindi: «battere corrotti è battere mafie»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1073

Procuratore nazionale antimafia: «la corruzione è dilagante e non è mai stata combattuta»

ROMA.  La corruzione, che in Italia «è un fenomeno di sistema», «assolutamente dilagante perché mai efficacemente contrastata e combattuta ma anzi per troppo tempo tollerata e giustificata» e sul cui fronte vi è stato un «deciso arretramento quando sono state assicurate ampie prospettive di impunità per il falso in bilancio»; la tratta dei clandestini, «che può alimentare il terrorismo internazionale»; i silenzi della Chiesa fino a Papa Francesco.
Sono i tre punti forti contenuti nelle parole del procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, che oggi al Senato - con la presidente della Commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi - ha presentato la Relazione 2014 della Dna.
L'attacco frontale è alla corruzione, «tacitamente accettata, non considerata un reato grave. Per questo la mafia se ne è servita».
 L'allarme, nelle parole del procuratore - che ha chiesto anche di poter disporre dei servizi centralizzati di polizia giudiziaria per i suoi poteri sull'antiterrorismo - è poi ai «fenomeni migratori, che possono costituire un serbatoio per il terrorismo internazionale» e su cui si stanno elaborando nuove direttive.
C'è stato poi un attacco frontale ai silenzi passati della Chiesa: «E' stato ammazzato don Diana, poi don Puglisi: le reazioni sono state pari a zero. Siamo dovuti arrivare al 2009 per iniziare a parlarne timidamente. Ora finalmente si è mosso qualcosa e Papa Francesco ha scomunicato i mafiosi ma per decenni la Chiesa avrebbe potuto fare, parlare, ma non ha fatto nulla».

 Il presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, ha sottolineato proprio il cambio di passo impresso da Papa Francesco, «il Papa - ha detto - ha reso ragione a chi ha resistito al potere mafioso».
 E sulla corruzione ha sostenuto che «lottarla significa anche lottare la mafia. Noi paghiamo il prezzo di un sistema che si è rilassato, basta pensare alla prescrizione».
 Ma - ha fatto notare Bindi - la sensibilità su questi temi «va aumentando. Le iniziative del Governo non sono perfette, bisognerebbe essere meno incerti sui reati finanziari, per esempio, ma il tempo è favorevole» per intervenire su una serie di aspetti.
La relazione 2014 della Dna esamina tutte le forme della criminalità: da Cosa Nostra che continua ad essere vitale nonostante sia stata decapitata in Sicilia, alla 'ndrangheta calabrese, più forte a Milano della criminalità siciliana, a Gioia Tauro, porta d'ingresso della droga in Italia.
E non tralascia nemmeno il cosiddetto "Protocollo fantasma", che riguarda notizie di reato a carico di ignoti, che avrebbero spiato alcuni magistrati, impegnati in delicate attività di indagine.

«L'efficienza della giustizia è un bene per i cittadini non un privilegio di qualcuno in particolare. E' giusto che il capo dello Stato, con la sua autorità, lo ricordi», ha detto il procuratore Roberti, riferendosi alle parole di Mattarella di oggi sulla giustizia. Alla politica il procuratore Antimafia chiede di modificare i termini della prescrizione, intervenire sul processo penale «oggi maledettamente lungo», prevedere attenuanti per chi collabora per i reati di corruzione e introdurre le figure degli agenti provocatori, riformare l'Agenzia per i beni sequestrati e confiscati.
«Le parole del procuratore sull'Agenzia sono un ulteriore sprone ad andare avanti», osserva il Pd Davide Mattiello, relatore di tutti i testi di riforma del Codice antimafia sulle misure di prevenzione e dell'Agenzia. Ma i parlamentari Cinque Stelle, pur lodando la relazione di Roberti «di ampio respiro, precisa e dettagliata», lamentano che il procuratore Antimafia abbia «dimenticato la parola politica».