(D)ISTRUZIONE

L'Aquila. Comitato critico su ricostruzione scuole: «6 mila ragazzi ancora nei Musp»

«Cronoprogramma annunciato non è stato rispettato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3287

L'Aquila. Comitato critico su ricostruzione scuole: «6 mila ragazzi ancora nei Musp»

L’AQUILA. La Commissione "Oltre il Musp" (Moduli ad uso scolastico provvisorio edificati dopo il sisma) esprime perplessità sulle dichiarazioni uscite dal Comune dell'Aquila in merito al processo di ricostruzione delle scuole cittadine.
La giunta comunale, infatti, avrebbe approvato un "Programma di assetto della ricostruzione dell'edilizia scolastica".
La commissione Oltre il Musp da tempo lavora per tessere relazioni sui territori ed ampliare la richiesta di partecipazione attiva alla ricostruzione scolastica giungendo a proporre piu' soluzioni per la ricostruzione di un nuovo edificio scolastico a Sassa, ma a quanto pare inutilmente. Ora, il Comune ha predisposto un piano di assetto per la ricostruzione: «certamente sara' ancora la confusione», sottolinea la Commissione, «ma noi non riusciamo a leggere nessuna differenza tra queste proposte e quelle discusse nel Consiglio comunale straordinario convocato proprio sulle scuole nell'ottobre 2014. In quell'occasione siamo anche entrati in possesso di un cronoprogramma, predisposto dalla stessa Amministrazione, che purtroppo finora non e' stato rispettato».

La commissione ricorda, poi, che ci sono 6.000 bambine e bambini aquilani costretti a frequentare la scuola ancora, dopo 6 lunghissimi anni, in moduli provvisori.
Nel frattempo 6.000 persone hanno firmato in tutta Italia, rivolgendosi al presidente del Consiglio dei ministri, la petizione #matteofaiscuola; centinaia di cittadini hanno partecipato ad assemblee pubbliche e ad incontri con i responsabili istituzionali; lo scorso ottobre una delegazione di bambini e genitori ha manifestato a Roma in Piazza Montecitorio e da qualche settimana su U-Act (piattaforma che promuove la cittadinanza attiva nei territori, nata dalla collaborazione tra ActionAid e OpenPolis) c'e' una nuova petizione che chiede a tutti i consiglieri comunali celerita', trasparenza e condivisione sul processo di ricostruzione.
«'L'attenta ricognizione condotta sulle scuole' ci fa sorridere - afferma il Comitato Oltre il Musp - : Moroni non sa neppure che non esiste più una 'Patini Cirillo' a Sassa, ma un Istituto Comprensivo, il 'Gianni Rodari' che comprende anche quella scuola secondaria e che ora la popolazione scolastica supera i 400 alunni e che uno studio del suo ufficio tecnico ha verificato la non-capienza di tanti alunni nell'edificio preesistente». «'L'attenta ricognizione condotta sulle scuole' - prosegue il Comitato - è allora quella condotta dalla commissione oltre il Musp lungo il suo percorso di cittadinanza attiva che dal 2011 coinvolge bambini, genitori ed insegnanti della frazione di Sassa che hanno discusso e proposto soluzioni per la loro scuola...tutte sistematicamente apprezzate e poi... abbandonate. Sapere dove, come e quando si ricostruira' una scuola che oggi accoglie piu' di 400 studenti e' un nostro diritto. Chiediamo celerita', trasparenza e partecipazione»