IL FATTO

Consigliere comunale minaccia di morte collega, polizia chiede verbali del Consiglio

Lite e scambio battute tra D'Alessandro e Giangiacomo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2295

Consigliere comunale minaccia di morte collega, polizia chiede verbali del Consiglio

Vasto

VASTO. Una richiesta di acquisizione degli atti dei lavori dell'ultimo Consiglio comunale di Vasto del 10 febbraio scorso è stata inviata dal vice questore aggiunto Alessandro Di Blasio, dirigente del locale Commissariato di Polizia di Stato, alla segreteria generale del Comune di Vasto.
Dagli uffici del Commissariato si vuole analizzare con attenzione lo scambio di battute tra due consiglieri della minoranza. In particolare i passaggi riguardanti il consigliere Davide D'Alessandro che nella foga del suo intervento avrebbe pronunciato presunte minacce di morte nei confronti del collega Guido Giangiacomo, capogruppo di Forza Italia.

Minaccia ricostruita minuziosamente, al termine della seduta, dallo stesso D'Alessandro con una nota diffusa agli organi di stampa.
Scrive D'Alessandro: «Giangiacomo... mi invita ad andare in Procura se convinto che vi siano reati. Gli rispondo, amabilmente, che in Procura può andarci lui. Io ho smesso di andarci ritenendolo assolutamente inutile. Lui, non contento, mi interrompe: 'Ma qual è il tuo progetto politico?'. Io, non considerandolo all'altezza di parlare di politica, gli rispondo amabilmente: 'Non ho alcun progetto politico. Non penso di ricandidarmi per almeno vent'anni, fino a quando tu sarai in vita. Lui, non contento, mi interrompe di nuovo: 'Vuol dire che mi concedi di vivere fino a 68 anni?'. Io, leggermente infastidito, gli rispondo amabilmente: 'No, morirai prima, e se non la smetti, per mano mia. Ecco, ti ho minacciato di morte, così potrai tornare in Procura'. In aula il presidente del Consiglio Giuseppe Forte aveva invitato ad abbassare i toni del confronto dialettico».
Ora Di Blasio vuol leggere tutti gli atti della seduta. I lavori del Consiglio comunale di Vasto vengono registrati attraverso una società esterna che dopo averli trascritti provvede ad inviarli per posta elettronica a tutti i consiglieri. Intanto il coordinamento provinciale di Forza Italia esprime «piena solidarietà al consigliere comunale Guido Giangiacomo, fatto oggetto di minacce verbali nel corso dei lavori dell'ultimo Consiglio comunale a Vasto».