VELENI ETERNI

Approvati i piani di caratterizzazione dell’area di Bussi

Un passo avanti verso la bonifica che pagherà lo Stato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2568

Approvati i piani di caratterizzazione dell’area di Bussi




ROMA. Ieri mattina a Roma, presso la direzione per la salvaguardia del territorio del Ministero dell'Ambiente, si è tenuta la conferenza dei servizi con all'ordine del giorno l’approvazione dei “Piani di caratterizzazione” delle aree della zona di Bussi, atti preliminari necessari alla predisposizione della bonifica dei siti inquinati.
L’incontro era stato convocato dal dirigente generale del ministero dell'Ambiente e tutela del Territorio, Maurizio Pernice, e si è svolto alla presenza del Presidente della Provincia, Antonio Di Marco, e del dirigente del settore Ambiente, Antonio Forese, dell’assessore regionale all'Ambiente, Mario Mazzocca, del direttore dell’Arta Giovanni Damiani, dei Sindaci di Bussi, Bolognano e Popoli.
Hanno partecipato inoltre i tecnici del Ministero e dell’ISPRA e della regione Abruzzo.
Tre erano i piani da esaminare e da approvare, per poter avviare il percorso di verifica sui terreni che prelude alla realizzazione della bonifica: il “Piano di caratterizzazione delle aree pubbliche del sito di bonifica di interesse nazionale di Bussi”, prodotto dall’Arta Abruzzo; il“Piano di caratterizzazione dell’area ex Montecatini di Piano d’Orta e Bolognano”, trasmesso dal Comune di Bolognano, e il progetto preliminare “Interventi di bonifica delle aree esterne Solvay a Bussi sul Tirino”, trasmesso dal Commissario delegato Adriano Goio. 

A differenza dei primi due, il piano sulle aree esterne non è stato approvato per la mancanza di una serie di integrazioni giudicate rilevanti dai presenti.
Invece, dopo anni di attesa, si è proceduto finalmente all’approvazione e quindi all’avvio dell’iter che dovrebbe portare alla bonifica vera e propria del terreno pubblico nel sito di interesse nazionale di Bussi e nell’area ex Montecatini ricadente nella zona di Piano d’Orta del Comune di Bolognano.
Forse, dopo un’attenta valutazione tecnica istruttoria, si comincia a parlare di messa in sicurezza e di bonifica dei terreni.
I tempi comunque si profilano lunghi.

«In qualità di Presidente della Provincia – dichiara Antonio Di Marco – ho voluto manifestare con la mia presenza la determinazione a non procrastinare ulteriormente i tempi della bonifica. Abbiamo necessità di far partire al più presto gli interventi previsti dal commissario Goio  e questo sia a difesa dell’ambiente che per il rilancio economico del territorio, per anni abbandonato e  ancor più penalizzato, oltre che dal danno subìto, da un iter inspiegabilmente lento».
Critica invece la posizione di Augusto De Sanctis, rappresentante del Forum Acque Abruzzo, invitato alla riunione che ha lamentato di non aver ricevuto la documentazione necessaria da studiare prima della riunione e di essere stato convocato con 24 ore di preavviso.
«Tra l'altro», ha scritto su Facebook De Sanctis, «mi sono portato dietro il progetto esecutivo dell'elettrodotto Villanova - Gissi perché pare che il ministero, che dovrebbe controllare, non lo abbia! Lo forniro' io...»