MURO DI GOMMA

Asl Chieti appalti opachi: niente documenti, la trasparenza è una beffa continua

Le difficoltà di informare correttamente e persino difendersi in giudizio tra attacchi e muri di gomma

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2777

Francesco Zavattaro

Francesco Zavattaro




CHIETI. Da mesi PrimaDaNoi.it è impegnata a illustrare i vari aspetti di alcuni appalti molto contestati alla Asl di Chieti. Tra questi il mega appalto del Cup unico che sta generando proteste anche tra gli addetti ai lavori o l’appalto del personale socio sanitario (Oss), argomenti spinosi e delicati che evidentemente non sono piaciuti né a chi in Abruzzo è chiamato a svolgere il servizio secondo quanto stabilito dalla gara di appalto e nemmeno alla Asl di Chieti che dovrebbe svolgere controlli e accertamenti sui servizi.
Sono così piovute critiche e sferzanti proteste da parte degli avvocati delle due ditte vincitrici che hanno inteso contestare praticamente tutto quello che con estrema fatica è stato pubblicato. Parole purtroppo non suffragate da alcun documento fornito da chi pretende il diritto di parola. Allora questi documenti li abbiamo voluti chiedere ufficialmente noi per verificare il comportamento della Asl nei confronti delle norme sulla trasparenza. In questo caso peraltro c'era anche la necessità del quotidiano di difendersi da accuse non provate.

Ma a richiesta precisa di documenti e spiegazioni per ora gli atti non vengono forniti. Forse nei successivi 7 giorni si procederà ad una verifica e magari chissà qualcosa sarà benevolmente concesso in visione...
Vogliamo correre il rischio di essere superficiali e qualunquisti: ammettiamo pure che abbia ragione la Asl a negare l’accesso ad un quotidiano, l’unico risultato possibile allora è che così non c’è alcuna trasparenza, né possibilità di verificare le notizie (che vengono peraltro pure contestate), né possibilità di controllo della gestione e di come vengano spesi soldi pubblici e magari anche sul perché l’assistenza sanitaria sia ultimamente gravemente malata.
Nessuna sorpresa: PrimaDaNoi.it se l’aspettava una risposta negativa, anche perché continuare ad informare sulle vicende della sanità è sempre più difficile con gli schermi e gli stancheggi propri dei burocrati.
Una ennesima riprova che nonostante gli obblighi di fornire informazioni non c’è alcuna collaborazione da parte di chi occupa pro tempore questa amministrazione pubblica.

Cercavamo solo l’ennesima riprova di una chiusura che non giova anche perchè tutti i nostri articoli sono frutto di lettura approfondita di centinaia di pagine… proprio quelle che la Asl ci ha negato ufficialmente.
Le carte, quelle, ce le abbiamo e come, da tempo, grazie a persone che tengono alla verità molto di più di chi amministra.
Da mesi parliamo di problemi, carenze e aspetti da chiarire poi si scopre che anche il Ministero ha mosso ufficialmente ben 28 addebiti alla gestione amministrativa della Asl. Allora potrebbe sorgere il dubbio che si voglia coprire qualcosa e impedire di sapere ai cittadini che invece possono essere solo spremuti (con tasse sempre più alte) e vessati, costretti a sopportare servizi spesso organizzati male.
Per quanto ci riguarda è bene che i lettori sappiano, che la Regione sappia nel caso fosse distratta, che sappia l’assessore Silvio Paolucci se non ne è a conoscenza.
E se la cosa non interessa a nessuna istituzione almeno chi legge potrà farsi una propria opinione al riguardo.
a.b.
AVEVAMO CHIESTO PER L’APPALTO DEL CUP REGIONALE
-di avere copia della documentazione seguente o l’indicazione del link se pubblicata
-Bando di gara del Cup regionale (Asl Chieti capofila), con i verbali della commissione aggiudicatrice
-Offerta della Gpi ed associati
-Sul contenzioso al Tar per l’aggiudicazione: delibera della Asl di Chieti per la costituzione in giudizio
-Delibera Asl di aggiudicazione gara alla Gp
- Contratto stipulato con la Gpi
- Modello di contratto proposto agli addetti al Cup
- Documento che chiarisce come è stato dislocato il nuovo personale del Cup e quello vecchio
- Documento che chiarisce quante casse sono state attivate
- Eventuali documenti che attestano controlli della Asl sull’attivazione del nuovo servizio

 

 

AVEVAMO CHIESTO PER L’APPALTO PERSONALE SOCIOSANITARIO (OSS)
-Bando di gara, offerte, valutazione della commissione, verbali di aggiudicazione
- Delibera che autorizza costituzione in giudizio presso il Tar per il contenzioso per l’aggiudicazione
- Documento che attesta l’avvenuta ottemperanza alle decisioni del Tar
- Delibera che autorizza la costituzione in giudizio per il secondo grado al Consiglio di Stato per il contenzioso di cui si parla
- Diffide ricevute per l’aggiudicazione
- Diffide ricevute per l’anticipazione della consegna dell’appalto
- Contratti proposti agli Oss (tipologia del contratto e data di firma da parte degli addetti)
- Le tariffe fissate dal Ministero per il salario degli Oss
- Eventuali verbali di controllo della Asl sull’attivazione del servizio

APPALTI ASL. ACCESSO AGLI ATTI NEGATO