RICOSTRUZIONE

Sisma L'Aquila: finanziamenti a quota 857 mln per lavori nel cratere

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1956

l'aquila ricostruzione puntellamenti


L’AQUILA. L'Ufficio speciale per la ricostruzione dei comuni (Usrc) del cratere ha concesso finanziamenti per 656 milioni di euro come contributo diretto, somma che diventa di 857 milioni se si includono gli interventi di finanziamento agevolato monitorati. Dal monitoraggio aggiornato al termine dello scorso anno, emerge che nel corso del 2014 sono state ammesse a contributo 888 pratiche, oltre il 36% del totale dall'inizio della ricostruzione, per un importo di oltre 300 milioni di euro. Una nota dell'Usrc sottolinea che «I principali artefici di tale risultato sono stati gli Uffici Territoriali della Ricostruzione che negli ultimi mesi hanno istruito il 98% degli importi ammessi a contributo, facilitati anche dall'adozione del Mic (Modello Integrato del Cratere)».
 Intanto, cresce ulteriormente il numero degli interventi in fase di attuazione sul patrimonio pubblico danneggiato dal sisma con 64 bandi finanziati per 21 milioni di euro a valere sulla delibera Cipe 135/2012: 7 progetti sono stati ultimati o sono in fase di collaudo, 15 hanno i lavori in corso e i rimanenti stanno espletando le procedure di affidamento dei lavori.
 Ulteriori 27 milioni sono impegnati con 48 interventi in fase di predisposizione della progettazione esecutiva e 47 progetti sono ancora in fase di programmazione per 28 milioni di euro. Nell'ambito dei Comuni "Fuori Cratere" i dati dell'ultimo monitoraggio hanno confermato un fabbisogno crescente di risorse: infatti il totale delle pratiche finanziate e approvate è salito dai 189 milioni di euro del 31 ottobre scorso agli attuali 192 milioni con un'esigenza di ulteriori 66.3 milioni di euro rispetto ai 125.7 milioni di finanziamenti deliberati fino ad oggi in favore dei Comuni "Fuori Cratere" da parte del comitato Cipe. Con i trasferimenti di cassa del mese di ottobre è stato possibile concedere 210 nuovi contributi e sono stati chiusi 98 cantieri.