SCACCO ALLO SPACCIO

Stroncato traffico di droga tra Napoli e l’Abruzzo

Denunciate 24 persone. Gruppo che riforniva settimanalmente la regione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2057

Tribunale di Pescara



PESCARA.   La squadra mobile della polizia di Pescara, insieme a quelle di Chieti, Teramo e Napoli, con il supporto delle pattuglie del reparto prevenzione crimine e delle unita' cinofile della squadra volanti di Pescara, ha portato a termine un'operazione antidroga contro un gruppo criminale di matrice campana che, con cadenza settimanale, trasportava in Abruzzo consistenti partite di cocaina, acquistate nella citta' di Napoli e poi rivendute a una rete di spacciatori al dettaglio attivi sulle piazze della costa adriatica di Pescara, Montesilvano, Silvi Marina e Ortona.
L'indagine, che ha portato alla denuncia di 24 persone, e' stata coordinata dalla Procura di Pescara (pm Gennaro Varone) che ha ottenuto dal gip del Tribunale, Maria Michela Di Fine, l'emissione della misura cautelare dell'obbligo di dimora nei confronti degli elementi di vertice del gruppo che era capeggiato da due pregiudicati napoletani, entrambi di 51 anni. Sono state eseguite anche una dozzina di perquisizioni nei confronti dei componenti della rete di spacciatori di secondo livello, di cui facevano parte rom locali, ma anche da soggetti insospettabili quali un rivenditore di auto, il titolare di un bar e un'impiegata.
Nel corso dell'operazione sono state sequestrate alcune dosi di stupefacente insieme a sostanze da taglio, bilancini elettronici e soldi in contanti, segno evidente che le attivita' illecite degli indagati erano tuttora in corso.
L'indagine, la cui denominazione deriva dal soprannome di uno degli spacciatori, e' partita dall'arresto del 43enne Massimo Giocondi, avvenuto a Pescara nel marzo del 2013, nella cui abitazione, in pieno centro di Pescara, vennero trovati 600 grammi di cocaina.
Giocondi era il referente locale del gruppo campano e si occupava della custodia e dello smistamento delle partite di cocaina, nonche' della riscossione dei proventi delle vendite. Nel giorno del suo arresto, infatti, venne trovato in possesso anche di una lista contenente la contabilita' del gruppo, il cui esame, insieme alle operazioni di intercettazione telefonica, ha permesso di ricostruire la filiera dello spaccio.