INFORMAZIONE

Giornalisti, Odg contro Finegil/Espresso: «pagano solo articoli oltre le 1.600 battute»

Nessun compenso per i contributi sul web

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1913

Giornalisti, Odg contro Finegil/Espresso: «pagano solo articoli oltre le 1.600 battute»

ABRUZZO. La Consulta dei presidenti e dei vice presidenti dell'Ordine dei giornalisti riunita oggi a Roma ha espresso «totale solidarietà» ai collaboratori dei quotidiani “Il Centro di Pescara” e “La Città di Salerno” del gruppo Finegil-Espresso, che si sono visti recapitare nei giorni scorsi la copia del contratto di collaborazione per l'anno 2015.
L’Ordine dei giornalisti contesta le «drastiche e mortificanti riduzioni dei compensi».
Si prevede tra l’altro che, superata la soglia massima dei primi 288 articoli pagati, venga corrisposto un “forfait” di 120 euro annui, cioè dieci euro mensili a prescindere dal numero.
I contratti “proposti” fanno riferimento a servizi pubblicati e comprendono anche foto e video e nulla viene corrisposto per articoli più brevi di 1.600 battute. Questi ultimi, infatti, vengono inseriti nel "compenso" di dieci euro mensili. Ogni somma è comprensiva di tasse, spese e di quanto sarebbe dovuto per servizi fotografici o video prodotti.
Per i contributi sul web, inoltre, non è previsto alcun compenso. Ne consegue una drastica riduzione della media dei già bassissimi compensi corrisposti a decine di collaboratori che, con il loro costante impegno quotidiano, garantiscono da anni l'uscita dei due giornali con un'informazione capillare.
Per la Finegil Espresso si può vivere con 4.910 euro l'anno, tasse e spese comprese.
«I nuovi contratti», spiega l’Odg in una nota, «applicano strumentalmente e solo parzialmente la legge dell'equo compenso (sulla quale il Tar si pronuncerà il 28 gennaio), svilendo il lavoro degli stessi collaboratori». I presidenti e i vice presidenti invitano i direttori e tutta la catena di comando ad «opporsi a questa iniziativa che viola i diritti più elementari di colleghi che con il loro lavoro arricchiscono quotidianamente l'informazione delle testate».