IMPRESE

Mape Forge, il tribunale decide la sorte dei 61 lavoratori

Attesa per venerdì la sentenza che deciderà del futuro si azienda e lavoratori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2264

Il tribunale de L'Aquila

Il tribunale de L'Aquila

L’AQUILA. Al Tribunale dell’Aquila si decide il futuro di 61 lavoratori ex Mape Forge.
Lo stabilimento metalmeccanico della Mape Forge situato da oltre 30 anni a San Martino sulla Maruccina (Ch), lavorava con un impianto per lo stampaggio a caldo dell’acciaio e occupava 61 dipendenti. Problemi finanziari e la mancanza di commesse hanno costretto la società Mape a presentare il 17 giugno 2013 un concordato preventivo al Tribunale di Chieti.
La crisi ha colpito duramente e alla fine del 2014 tutti i 61 dipendenti della Mape sono stati licenziati.
Nel frattempo, il Tribunale di Chieti l’11 aprile 2014 consegnava lo stabilimento alla società Forge Centro Sud con un contratto d’affitto, riconoscendo alla stessa il diritto di prelazione all’acquisto da esercitare solo dopo l’omologa del concordato preventivo.
«Dopo una lunga trattativa presso la Confindustria di Chieti, la Forge Centro Sud si è impegnata alla riassunzione degli ex dipendenti della Mape e ad oggi in 35 sono tornati a lavorare», spiega Nicola Manzi, segretario della Uil Chieti Pescara. «Inoltre, per il 2015, la Forge Centro Sud aveva pianificato e condiviso con la R.S.U. nuovi investimenti e l'istallazione di macchinari per l’acquisizione di nuovi clienti e commesse destinati esclusivamente agli impianti di Chieti. Oggi tutto è fermo».
Il 9 dicembre 2014 il Tribunale di Chieti non ha omologato il concordato ed ora la decisione è passata, con il ricorso in appello, al Tribunale dell’Aquila che venerdì dovrà emettere una sentenza che determinerà il futuro di 61 famiglie.
La RSU UILM e i lavoratori sono preoccupati che la Forge Centro Sud, in mancanza di omologa del concordato preventivo da parte del Tribunale, trovandosi di fronte a scenari e condizioni diverse da quelle prospettate inizialmente, possa decidere di fare un passo indietro e rinunciare al piano di rilancio industriale dello stabilimento.
La Uilm chiede di prestare la massima attenzione a questa vicenda, «affinché gli errori e le responsabilità della vecchia gestione Mape non ricadano sui lavoratori. Oggi c’è una nuova azienda, la Forge Centro Sud, che vuole fare investimenti, portare lavoro e garantire l'occupazione, non possiamo perdere questa opportunità».