MARINARE IL CAPODANNO

Capodanno di Teramo, dopo il flop le polemiche. «Disastro annunciato»

Sul web la battaglia a suon di foto per mostrare la piazza vuota e affollata

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5112

Capodanno di Teramo, dopo il flop le polemiche. «Disastro annunciato»

TERAMO. Un vero e proprio disastro il Capodanno in piazza a Teramo. Sul web scoppia la guerra delle foto delle due fazioni avverse ma il risultato finale è impietoso.
I detrattori sostengono che in piazza ci fossero meno di 200 persone ma l’assessore Lucantoni difende il proprio operato mostrando l’immagine di una piazza piena. Di sicuro però il risultato finale non è stato quello sperato.
La Digos parla di 300 persone. Brucchi per la prima volta non è salito nemmeno sul palco per fare gli auguri ai cittadini. A fronte di una spesa di 40 mila euro e la musica di Marina Rei (per lei compenso di 16 mila euro) piazza Martiri alla fine ha ospitato pochi Teramani che hanno deciso di festeggiare l’ingresso del 2015 tra il freddo e le critiche della stessa cantante che si è lamentata per il poco calore del pubblico.
Nonostante il maltempo (aveva nevicato fino alle 18), il Comune non ha ritenuto opportuno rinviare l’evento, a differenza dell’amministrazione di Pescara che ha invece annullato il concerto dei Tiromancino che sarà recuperato il 6 gennaio.
«A Teramo», denuncia il Movimento 5 Stelle, «pur avendo il 90% delle strade piene di neve e ghiaccio con le frazioni completamente isolate, l’amministrazione ha pensato bene di fare ugualmente la manifestazione. Quasi 40mila euro buttati nel cestino per intrattenere al massimo 200 cittadini infreddoliti che hanno sfidato la sorte pur di non lasciare da sola il nostro assessore agli eventi Francesca Lucantoni che ha fatto l’ennesima brutta figura assieme al sindaco Brucchi».
I grillini fanno anche i calcoli e hanno scoperto che anche per il concerto dei Tiromancino di Pescara (previste 50mila persone) si spenderà quanto per l’evento Teramano, ovvero 40 mila euro.
Nella Delibera della Giunta Brucchi N° 799 Del 16/12/2014 si legge che l’importo speso sarà di 38.500,00 Euro “comprendente sia il cachet degli artisti e sia i necessari servizi collaterali”.

«Questo», sottolineano i 5 Stelle, «evidenzia la totale incapacità ed inesperienza dei nostri Amministratori e visto che a Teramo parte dei soldi per pagare il Capodanno sono venuti da un’Ente pubblico come il BIM (che ha donato 9.000 euro), Sindaco e Assessori dovrebbero rassegnare le proprie dimissioni come atto di dignità».
Non risparmia critiche nemmeno il Pd che parla di «ennesimo fallimento politico amministrativo della amministrazione comunale della città».
«Il concerto di fine anno non si doveva fare. Poteva essere rinviato, o addirittura annullato come altre avvedute amministrazioni (Pescara ad esempio) hanno deciso di fare una volta verificate le condizioni meteo, ma non si doveva fare per ovvie ragioni di sicurezza», dicono i democratici secondo cui i 38.500 euro «potevano benissimo essere destinati ad altre finalità, magari di rilievo sociale o di spessore culturale. Nessuno può esimersi dalle proprie responsabilità, il flop è stato collettivo a partire naturalmente da un sindaco sempre più sfiancato nell'azione amministrativa per giungere all'ultimo degli assessori (e qui la scelta è davvero ardua)».
Ma l’assessore Lucantoni respinge le accuse e sul suo profilo Facebook pubblica una foto per mostrare che il concerto era affollato. Sempre l’assessore ricorda che per il capodanno la cifra spesa dal Comune di Teramo é stata zero. «I cittadini teramani non hanno speso un solo euro. Il lavoro si é incentrato principalmente sulla ricerca degli sponsor che si sono dimostrati sensibili verso la città in un momento di crisi. Un ringraziamento anche a tutti i bar e ristoratori».
Proprio sulla bacheca dell’assessore interviene una delle spettatrici del concerto che racconta cosa è accaduto in piazza: «Io c’ero ed eravamo pochissimi... diminuiti ancor più appena la Rei è salita sul palco... anch'io ero moscia come lei ci ha definito, ma se a mezzanotte con tutto quel freddo ascolto canzoni per me e per gli altri assolutamente sconosciute come facevo/facevamo a scaldarci partecipando???! »