VISITA NON FISCALE

Abruzzo. La visita di Renzi slitta per la terza volta: «verrà a febbraio»

Sisma L'Aquila: Cialente, slitta ancora visita Renzi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2538

Abruzzo. La visita di Renzi slitta per la terza volta: «verrà a febbraio»

Matteo Renzi




L’AQUILA. Non c’è due senza tre e dunque anche la terza visita in programma è saltata. Per il primo ministro è la terza non-visita in Abruzzo, se non altro un primato di annunci e smentite che peraltro proseguono.
«La visita di Renzi all'Aquila slitterà a febbraio, vogliamo che il premier venga all'Aquila per vedere direttamente gli importanti risultati ottenuti dopo cinque anni nonostante le tante difficoltà e per chiedergli di continuare a starci vicini».
Così il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, annuncia l'ennesimo rinvio della visita, la prima dal suo insediamento, del premier, Matteo Renzi, nelle zone colpite dal sisma del 6 aprile 2009.
Dell'arrivo di Renzi all'Aquila se ne era cominciato a parlare dal mese di agosto attraverso vari annunci da parte dei vertici aquilani e regionali del Pd: lo stesso Cialente, il vice presidente della giunta regionale, Giovanni Lolli, la senatrice Stefania Pezzopane e il presidente della giunta regionale, Luciano D'Alfonso parlarono di visita prevista «tra il 15 agosto e l’inizio di settembre».
Già prima, però, a maggio, in occasione della campagna elettorale regionale, il presidente del Consiglio non si è fatto vedere e la linea mantenuta fino a questo momento è rimasta invariata.
Dopo la delusione dell’estate scorsa è arrivata la data autunnale. «Renzi arriverà ad ottobre», ma anche in quel caso non si è visto.
L’annullamento della visita è stato giustificato con l’«emergenza alluvione a Genova», almeno questa è stata la versione che circolava al Comune de L’Aquila. Poi in realtà Renzi non è andato nemmeno in Liguria.
«Renzi arriverà tra qualche giorno, l’attesa non creerà problemi», assicurò D’Alfonso il 16 ottobre. A quasi 3 mesi dall’annuncio del Governatore, però, il premier non si palesa.
Adesso Cialente parla di una telefonata con il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Del Rio di due giorni fa nella quale «mi ha informato di problemi dei ministeri di riferimento su due questioni pesanti: la guardiania del tribunale, appena risolta, e il patto di stabilità del comune de L'Aquila che rientrerà nel mille proroghe».
«Sulla visita Del Rio mi ha spiegato che Renzi ha sospeso i viaggi nei cosiddetti Cantieri d'Italia fino al 16 gennaio, riprenderanno dopo la conclusione del semestre europeo a guida italiana».
Nel ricordare le proteste anche con la riconsegna della fascia tricolore al presidente Napolitano per la carenza di fondi, Cialente, a poco più di tre mesi dal sesto anniversario della tragedia, rileva che la visita attuale ha un significato diverso da quello di qualche mese fa «visto che ora i soldi ci sono».
«Ci fa un grande piacere che il Premier visiti L'Aquila per constatare che in periferia la ricostruzione è quasi finita e che anche al centro stiamo recuperando il tempo perso per il blocco causato dalla buffonata dei piani di ricostruzione dei centri storici voluti da Chiodi e Fontana (rispettivamente ex commissario per la ricostruzione ed ex coordinatore della cabina di regia ndc) e serviti per fare piani regolatori camuffati».

CHIEDERÒ LEGGE RICOSTRUZIONE PRIVATA
Cialente ha spiegato che nel pacchetto di richieste c'é innanzitutto il varo di una legge nazionale per una maggiore trasparenza nella ricostruzione privata ma non solo per l'Abruzzo ma per tutte le altre realtà italiane. Il riferimento è ai lavori per il recupero delle case gravemente danneggiate, classificate E, che i proprietari possono assegnare a imprese di fiducia senza gara quindi con totale discrezionalità: si tratta di commesse milionarie, la parte più cospicua della ricostruzione dell'Aquila e del cratere del sisma, nelle cui procedure da tempo viene denunciata l'assenza di norme e controlli: non a caso, nei mesi scorsi nell'ambito di una inchiesta della procura distrettuale antimafia dell'Aquila che ha portato all'arresto di sette imprenditori, proprio in commesse private è emersa una presunta infiltrazione dei casalesi.
L'allora sottosegretario all'economia con delega alla ricostruzione, l'abruzzese Giovanni Legnini, ha attivato un processo che ha portato alla stesura di una bozza, ma poi dopo la sua nomina alla vice presidenza del consiglio superiore della magistratura, il lavoro non è andato più avanti.
«Al premier chiederò maggiore attenzione da parte di Roma ai passaggi normativi – ha spiegato ancora il primo cittadino - e maggiore fiducia nei confronti degli enti locali che dopo la fallimentare gestione commissariale hanno cambiato il corso della ricostruzione con una gestione trasparente e lungimirante. In sostanza, dirò al premier che la classe dirigente locale regge bene il confronto con la dirigenza centrale».
Per come stanno andando le cose, in riferimento al ritmo dei lavori e ai flussi finanziari, Cialente conferma che entro il 2017 ci sarà la riconsegna del centro storico dell'Aquila e di alcune frazioni del comune.

IL NUOVO SOTTOSEGRETARIO: «UNA FREGATURA»
Intanto non soddisfa il nome del neo sottosegretario alla Ricostruzione. La scelta è caduta su Paola De Micheli dopo che il Pd locale aveva sponsorizzato la candidatura di Stefania Pezzopane. «Chi ben comincia è a metà dell'opera e Cialente ci regala le prime due fregature del 2015», commenta il consigliere comunale di "L'Aquila Città Aperta" Giorgio De Matteis. «Il Sottosegretario De Micheli, emiliana, nominata agli inizi di dicembre responsabile alla ricostruzione dell'Aquila - continua De Matteis - rappresenta l'ennesima dimostrazione (semmai ce ne fosse ancora bisogno) di quanto non contino nulla Cialente, Pezzopane e compagni. Dopo aver sbandierato la possibile nomina della Pezzopane, evidentemente non ritenuta idonea per quel compito, ci ritroviamo ancora una volta ai margini della politica nazionale e se ciò non bastasse, dopo l'ennesima annunciata visita di Renzi nel periodo natalizio, il nostro Pinocchio, senza ormai né vergogna né ritegno, ne annuncia ancora una volta l'arrivo per febbraio. Appare evidente che quest'uomo è il vero danno per la nostra città»