INCORPORAZIONI

Abruzzo. Trasporto regionale, è nata l’azienda unica

«Ci candidiamo ad essere vettori per Marche e Molise»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4196

Abruzzo. Trasporto regionale, è nata l’azienda unica

ABRUZZO. E’ nata ieri l’azienda unica di trasporto regionale grazie alla fusione delle tre società di trasporto locale Arpa, Gtm e Sangritana.
Sul nome c’è ancora incertezza anche se potrebbe chiamarsi Tua (acronimo di Trasporto Unico Abruzzese).
Il percorso della giunta di centrosinistra è stato abbastanza rapido: in 7 mesi dall’insediamento D’Alfonso porta a casa una delle promesse della campagna elettorale. La nuova società avrà circa 2000 dipendenti (calcolando anche tutte le partecipate), un capitale sociale di 78 milioni (dal momento che ai 39 milioni di capitale sociale vanno aggiunti 39 milioni di riserva da sovrapprezzo delle azioni), ricavi per 140 milioni, circa mille mezzi in attività su strada e ferrovia.
Non sono mancate polemiche nei giorni scorsi, continuate anche ieri con Lorenzo Sospiri (Forza Italia) che ha definito la cerimonia di ieri in casa Gtm una «parata propagandistica». «Inizia un percorso ancora pieno di incognite -ha sottolineato Sospiri- Vorremmo capire innanzitutto come sarà organizzata la nuova società, dove sarà la sede, quali sono i piani industriali per ferro e gomma. Con quali criteri, diversi in base agli accordi sindacali di secondo livello e ai criteri di produttività, si metterà in equilibrio il bilancio».
Ma il centrosinistra festeggia: «ora abbiamo il diritto all'ambizione», ha detto il sottosegretario alla Giunta regionale Camillo D’Alessandro. «Il muro che abbattiamo trascina con sè la vecchia politica, quella che per anni ha rinviato e deciso di non decidere. Si sono occupati del dito, noi della luna. Non tutti i giorni sono uguali: alcuni trascorrono inutilmente, altri fanno la storia, come questo».
«Il piano strategico dimostra che l'azienda unica ha il futuro dentro», ha spiegato D’Alessandro. «Ci candidiamo ad essere vettori per Marche e Molise con l'integrazione ferro-gomma che solo noi possiamo garantire. Chi ha parlato di “leggi di pochi articoli”, come quella che ha dato il via libera alla fusione, definendola leggina, oggi viene investito dalla macerie del muro abbattuto, dall'evidenza dei fatti. Abbiamo mantenuto l'impegno con gli abruzzesi».

Il nome della società, come detto, sarà deciso nei prossimi giorni, «ciò che è certo», ha insistito il sottosegretario, «è che la società unica prevede una organizzazione per divisioni, che la divisione ferro sarà a Lanciano e sarà dotata di autonomia».
Così come il passo successivo sarà quello di cedere tutte le attività commerciali alla società Sangritana spa, a Lanciano. Dunque ci sarà la società unica di Trasporto Pubblico Locale gomma-ferro, e la società unica dei servizi commerciali gomma-ferro.
Sui posti di lavoro il presidente dell’Arpa Luciano D’Amico è tornato a ribadire che non sono previsti esuberi: «il nostro obiettivo è che laddove risulti personale eccedente si attivino nuovi servizi. Vogliamo tutelare i salari, aumentare la produttività facendo meglio quello che già viene fatto».
La fusione, secondo D’Amico, «sarà una grande risorsa per tutta la regione: la nuova azienda unica avrà dimensioni giuste per poter competere nelle gare, sarà l’ottava azienda in Italia sulle oltre 200 presenti. I cittadini godranno di servizi più efficienti a costi inferiori».