MONDO DI MEZZO

Formula Ambiente esclude le coop di Salvatore Buzzi

Estromessi dal Cda anche tutti gli altri indagati di Mafia Capitale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3727

Formula Ambiente esclude le coop di Salvatore Buzzi

Salvatore Buzzi





CESENA. L'assemblea del Consorzio Formula Ambiente, convocata lunedì 15 dicembre 2014 alle 15,30 presso la sede di Cesena, ha condiviso all'unanimità l'esclusione dalla compagine sociale delle cooperative "Coop. 29 giugno coop. sociale Onlus", "29 giugno Servizi soc. coop. di produzione e lavoro" e "Formula Sociale soc. coop. integrata a r.l. Onlus" proposta dal presidente Maurizio Franchini.
Si tratta delle cooperative che fanno capo a Salvatore Buzzi presunto socio occulto di Massimo Carminati entrambi arrestati nella maxi inchiesta Mafia Capitale all’inizio di dicembre.
Secondo l’accusa Buzzi e Carminati attraverso metodi mafiosi di minacce e corruzione erano riusciti ad ottenere una sequela consistente di appalti da enti pubblici non solo a Roma.
E dopo lo scandalo i vari soci di Buzzi che fino al suo arresto non si erano accorti di nulla dopo decenni di florida collaborazione ora invece le cose cambiano.
Anche il Cns i lconsorzio nazionale di Servizi altro consorzio di coop rosse denro le quali figuravano le coop di Buzzi ha annunciato di tagliare ogni legame con Buzzi.
E così il Cda di Formula Ambiente che risulta vincitrice di decine di appalti presso comuni abruzzesi (tra cui Chieti) sempre lo stesso giorno ha quindi escluso i tre soci coinvolti nell’inchiesta e l’'assemblea ha provveduto a revocare i consiglieri di amministrazione Alessandra Garrone e Carlo Maria Guarany, che erano stati eletti in rappresentanza di tali società e indagati nella stessa inchiesta. 

Il consiglio di amministrazione risulta ora formato da Maurizio Franchini (presidente), Barbara Piccirilli (Vicepresidente) e Ivan Casadei (consigliere).
L'Assemblea ha inoltre preso atto della decadenza del sindaco revisore Paolo Di Ninno, anch’egli coinvolto dalla inchiesta romana. Al suo posto è stato nominato il revisore contabile Alberto Spada di Cesena.
I soci esclusi – tutti assenti in assemblea – riferisce una nota dello stesso consorzio hanno 60 giorni di tempo per presentare opposizione di fronte a un collegio arbitrale, come previsto dallo statuto sociale.

All'assemblea del 15 dicembre erano presenti 17 soci cooperatori in rappresentanza di 24 voti ed 1 socio finanziatore in rappresentanza di 5 voti, mentre sono risultati assenti 6 soci cooperatori pari  a 9 voti.
L’Assemblea si è così espressa all’unanimità  con il 76,31%  dei voti complessivi presenti.