ALLARME VACCINO

Vaccino Fluad, sequestrati lotti: 4 inchieste e psicosi

Lorenzin: «Regioni troppo lente». In arrivo norme per tagliare tempi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2207

Vaccino Fluad, sequestrati lotti: 4 inchieste e psicosi

Ministro Lorenzin




ROMA. Sono 12 le morti sospette in 6 regioni, 2 lotti di vaccini bloccati in 12 regioni, 4 inchieste (a Siena, Siracusa, Prato e Chieti) e migliaia di persone che temono per la loro salute e quella dei loro cari.
E' il bilancio, parziale, di una vicenda piena di incertezze che si sta trasformando ora dopo ora in una vera psicosi collettiva, dove non mancano le polemiche anche politiche fra ministero della Salute e Regioni, accusate di ritardi nella segnalazione dei casi. I primi test, ha spiegato oggi il ministro della Salute Beatrice Lorenzin stanno dando esito negativo.
E se martedì prossimo, ha aggiunto il presidente dell'Aifa Sergio Pecorelli, arriveranno i risultati delle analisi tossicologiche, il blocco di utilizzo del vaccino potrebbe già essere tolto.
Ma il ministro punta l'indice sulle responsabilità regionali: fino a 13 giorni per segnalare i casi, secondo l'analisi realizzata dal direttore dell'Aifa, Luca Pani. «Noto con stupore che il ministro Lorenzin si lascia andare ad uno sport troppo praticato: lo scaricabarile», ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. 

«Si verifichi se qualcosa non ha funzionato a cominciare dall'Aifa», ha concluso.
«La segnalazione dei casi avviene immediatamente. Se c'è qualche Regione che ha agito con ritardo il ministro ne faccia il nome. Io personalmente sono stanco di sentir fare sempre il nome delle Regioni come pungiball», ha rincarato l'assessore alla Sanità della Regione Liguria, che è anche vicepresidente della Regione e presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità, Claudio Montaldo.
E intanto l'ufficio legislativo del ministero sta già mettendo a punto un emendamento «taglia-tempi di segnalazione» che potrebbe essere inserito nella Legge di Stabilità.
Si muovono le procure. Quella di Prato, la città toscana dove si è verificato uno dei decessi, ha disposto la riesumazione della salma e, soprattutto, il sequestro su tutto il territorio nazionale di uno dei lotti di Fluad del quale la Novartis aveva disposto il blocco. Ma i carabinieri dei Nas hanno intanto oggi fatto visita anche in uno dei capisaldi della "cittadella dei vaccini" di Siena, la cui procura ha già aperto un'inchiesta, allo stabilimento di Rosia (Siena) della Novartis per sequestrare eventuali giacenze dei due lotti di vaccino.
Nei magazzini del centro di Novartis Vaccines, ritenuto uno dei fiori all'occhiello della ricerca italiana e internazionale, tuttavia non sarebbero state trovate confezioni.
 L'accelerazione del lavoro degli inquirenti si verifica nel giorno in cui il bollettino delle morti sospette fa registrare un caso a Firenze, pur se segnalato in via prudenziale così come per cautela sono state ricoverate due persone anziane nel capoluogo toscano, due casi in Abruzzo ed uno in Piemonte, dove il presunto killer non sarebbe stavolta il Fluad ma un altro vaccino antinfluenzale, l'Agrippal.