ACQUA ALLA GOLA

Consiglio San Giovanni Teatino: approvate le linee guida per controllare l’Aca

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2217

Consiglio San Giovanni Teatino: approvate le linee guida per controllare l’Aca



SAN GIOVANNI TEATINO. Il sindaco dovrà verificare la sussistenza di diverse soluzioni di gestione del servizio idrico che assicurino una maggiore economicità. E poi dilazione del pagamento delle bollette, l’indizione di un tavolo permanente al quale partecipi anche la minoranza e la fissazione di un consiglio comunale «in tempi ragionevoli» per verificare che gli scopi siano stati raggiunti. E’ questo l’ordine del giorno approvato a maggioranza nell’ultimo consiglio comunale di San Giovanni Teatino.

Durante la discussione, dopo due ore, la maggioranza si era resa disponibile ad accogliere parte della mozione del gruppo di minoranza Insieme chiedendo di integrarla con altre azioni come la dilazione delle bollette fino alla loro eventuale sospensione.

Tutto questo alla luce delle criticità emerse nel corso del rapporto contrattuale tra Comune e Aca, e ,oltre la creazione di un tavolo permanente con rappresentanti di maggioranza, minoranza ed associazioni territoriali, la convocazione a breve di un nuovo consiglio comunale di verifica degli indirizzi intrapresi.
Il gruppo Insieme ha rifiutato le modifiche alla loro mozione e ha preferito mettere al voto il testo originale costringendo la maggioranza a dover rimandare ad altro consiglio le proposte che, invece, sarebbero potute essere accolte, seduta stante, come modifica del testo del gruppo Insieme.
«E' amaro constatare» afferma il Sindaco Luciano Marinucci «che la richiesta di scrivere sulla mozione "eventuale sospensione" della bollettazione piuttosto che "sospensione" abbia bloccato un'azione politica congiunta di minoranza e maggioranza che avrebbe reso il Comune e tutti i cittadini molto più forti nelle azioni da intraprendere verso Aca».
«La loro mozione era superata dalle iniziative adottate in questi giorni dal sindaco Luciano Marinucci, che ha contattato la Regione, l’Aca e l’Ato chiedendo il rinvio delle scadenze per le bollette, la proroga delle rate e la verifica della possibilità di una gestione diversa da Aca» spiega l'assessore Massimiliano Bronzino.
«Con questo documento abbiamo voluto dare forza ad un'azione già intrapresa dal Sindaco, individuando attraverso il tavolo azioni di controllo, trasparenza e partecipazione. Abbiamo constatato il rifiuto della minoranza e previsto la convocazione di un nuovo consiglio comunale a verifica delle azioni conseguite e dei risultati ottenuti. La maggioranza resta a disposizione della minoranza, essendo comune la volontà di individuare la migliore gestione possibile delle nostre reti».