RIFIUTI

Scafa, niente revoca della liquidazione per la Ecologica Pescarese spa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1658

La Discarcia di Colle Cese

La discarcia di Colle Cese



SCAFA. Il Consiglio Comunale di Scafa, nella seduta del 27 novembre, ha votato contro la revoca della liquidazione dell’Ecologica Pescarese S.p.a., i cui soci sono alcuni Comuni della Provincia di Pescara (Manoppello, Alanno, Lettomanoppello, Cugnoli ecc.).
«Nell’Assemblea Generale dei Soci, che si è tenuta lo scorso 17 novembre, sono stato l’unico dei Sindaci ad opporsi, esprimendo voto contrario, alla proposta di revocare lo stato di liquidazione», ha spiegato al Consiglio Comunale il Sindaco, Maurizio Giancola.
Adducendo le ragioni della sua posizione, lo stesso Giancola ha aggiunto: «Quella dei miei colleghi è una scelta incomprensibile. In primo luogo perché la normativa nazionale (spending review) impone ai Comuni di cedere le proprie quote di capitale di società a partecipazione pubblica, mentre qui si fa l’esatto contrario. In secondo luogo, perché  i Sindaci avrebbero dovuto votare solo dopo aver sottoposto la proposta di revoca all'esame dei rispettivi Consigli Comunali, almeno per ragioni d’opportunità. La proposta di messa in liquidazione, a suo tempo, fu, infatti, prima votata nei Consigli Comunali dei Comuni soci dell’Ecologica Pescarese, quindi ratificata dai Sindaci nell'Assemblea straordinaria di quest'ultima. Converrete che è insolito che i Consigli Comunali, che hanno deliberato sulla messa in liquidazione della società, siano poi esclusi dalle decisioni e restino a guardare mentre i Sindaci vanno nella direzione opposta. Vi è da aggiungere che l'unico bene dell’Ecologica Pescarese è sottoposto ad un’esecuzione immobiliare. Ora l’Assemblea Generale dei Soci ha deliberato a favore dell’ingresso nella S.p.a. d’un socio privato, “previa verifica a mezzo procedura di evidenza pubblica”. Cioè, si va alla ricerca d’un socio privato, prima ancora di fare chiarezza sulla situazione debitoria. È una decisione, a mio parere, a dir poco, discutibile.»
La liquidazione di Ecologica pescarese spa è stata decisa il 30 gennaio 2012 dall’assemblea dei soci.
L'emergenza arrivò quando fu chiaro che Colle Cese di Spoltore, la discarica, si sarebbe ben presto saturata.