ELETTROSMOG

Antenne San Silvestro, Alessandrini scrive al Ministero e all’Arta: «urgenti nuove misurazioni»

I citatdini al sindaco: chieda anche le autorizzazioni rilasciate

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1390

ANTENNE SAN SILVESTRO




PESCARA. Martedì scorso il sindaco Marco Alessandrini ha scritto una lettera indirizzata ad Arta Abruzzo, Ministero dello Sviluppo Economico e Asl di Pescara sul caso delle antenne di San Silvestro.
I tralicci sono ancora lì, nonostante le promesse del passato e le continue proteste dei residenti. Ma il sindaco ritiene che sia necessario intervenire «dopo che reiterate campagne di rilevamento da parte dell’agenzia regionale per l’ambiente hanno rilevato il superamento dei valori di attenzione».
L’ultimo verbale di controllo è datato 7 ottobre 2014 e proprio in quella occasione sono state identificate «sorgenti responsabili del superamento dei limiti» .
Proprio quelle misurazioni sono finite in Procura perché l’agenzia regionale ha trasmesso la Relazione Tecnica delle misurazioni alla magistratura, e contestualmente anche al Comune di Pescara, segnalando «la necessità di interventi di riduzione a conformità dei valori di campo elettromagnetico».
L’Arta si è messa a disposizione delle autorità competenti per ulteriori misure selettive in banda stretta «in grado di individuare le emittenti responsabili dei superamenti».
Alessandrini adesso chiarisce ai vari enti i provvedimenti urgenti che l'Amministrazione intende intraprendere a tutela della salute pubblica nei confronti dell'esposizione ai campi elettromagnetici.
Nella lettera l'Amministrazione richiede dunque tutta la documentazione sulla situazione relativa alle emissioni radiotelevisive e non solo: al Ministero dello Sviluppo Economico, Ispettorato territoriale Abruzzo e Molise, si chiede anche di «trasmettere l'elenco delle frequenze assegnate alle diverse emittenti per la località di San Silvestro e ogni altra informazione utile per l'esatta identificazione delle responsabilità in merito al procedimento di che trattasi».
All’Arta, invece, il primo cittadino chiede «di effettuare con immediatezza una misurazione dettagliata a banda stretta dei campi elettromagnetici ad alta frequenza emessi dalle diverse stazioni situate presso il sito di San Silvestro per poter dotare questa amministrazione di tutti gli strumenti tecnici amministrativi e giuridici necessari per garantire il rispetto della normativa vigente in materia di tutelare la salute pubblica».
Alessandrini sottolinea che la richiesta riveste «carattere di assoluta urgenza».

I CITTADINI: «CHIEDA LE AUTORIZZAZIONI RILASCIATE AGLI OPERATORI»
«Se vuole realmente tutelare la salute dei cittadini di San Silvestro Colle», commenta mariano D’Andrea del comitato anti antenne, «prima di eseguire le misurazioni in Banda stretta provveda a termini di Legge secondo le indicazioni fornite dalla corte di cassazione penale nella sentenza nr. 15707/2009 proprio in merito ai sequestri degli impianti di San Silvestro. In pratica si sta facendo il processo a chi ha superato i limiti di velocità senza aver verificato se era in possesso della patente di guida».
«Le suggeriamo inoltre», continua D’Andrea, «di leggere con attenzione l’art.28 8° comma del D.Lgs. 177/2005 che così recita: ‘La titolarità di autorizzazione o di altro legittimo titolo per la  radiodiffusione  sonora  o televisiva da' diritto ad ottenere dal comune  competente  il  rilascio  di  permesso  di  costruire per gli impianti  di  diffusione’.
Per cui chieda le Autorizzazioni rilasciate agli Operatori di Rete Televisiva soggetti ben diversi dai fornitori di contenuti. Per intenderci RAI WAY ed R.T.I. (operatori di Rete) e non Rai e Mediaset».