Sociale: sindacati pensionati manifestano davanti Regione

«Sanità, Sociale e reddito sono le priorità»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

869

Sociale: sindacati pensionati manifestano davanti Regione

PESCARA. "Nonni per il lavoro" e "Largo ai giovani": sono le due scritte presenti sulle pettorine dei pensionati che stamani hanno manifestato davanti a Pescara.
Alcune centinaia di persone hanno presidiato l'area antistante la sede della Regione Abruzzo per chiedere in particolare risorse per il sociale.
L'iniziativa, promossa da Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil, rientra nell'ambito della mobilitazione nazionale "#NonSiamoSereni" promossa dai sindacati.
Presenti, tra gli altri, il segretario dello Spi-Cgil Abruzzo, Giovanna Zippilli, quello della Fnp-Cisl AbruzzoMolise, Luigi Pietrosimone, e quello della Uilp-Uil Abruzzo, Gianni Orsini, che hanno sottolineato come le priorità siano «sanità, sociale e reddito: siamo qui per ricordare alla Regione i nostri problemi - hanno affermato i sindacalisti - bisogna fare le riforme, quelle che vanno verso una maggiore redistribuzione della ricchezza; le altre sono fumo negli occhi».
«Noi - hanno annunciato - non ci fermeremo. Il Bilancio della Regione si concluderà a fine dicembre e noi andremo avanti fino a fine dicembre mobilitandoci sul territorio. Sul sociale - hanno spiegato i segretari - mancano 23 milioni di euro che non sono stati dati ai territori, i quali hanno già programmato i servizi. Chiediamo che quelle risorse vengano reperite. Chiediamo poi la modifica delle linee guida per il sociale, che sono in discussione. Nel Dpfer, inoltre, non si parla di risorse; la Regione non mette soldi sul sociale e bisogna invertire questa tendenza. Siamo preoccupati anche per la compartecipazione in sanità. Chiediamo un confronto e soprattutto chiediamo le risorse».
Altra questione da portare avanti, secondo i sindacati dei pensionati, è quella dell'integrazione socio-sanitaria, perché «se non fanno un assessorato unico che si occupi di sanità e di sociale non andremo da nessuna parte».
Le tre sigle hanno annunciato un documento, contenente le priorità, da presentare al governatore Luciano D'Alfonso e all'assessore alle Politiche sociali, Marinella Sclocco.