L'EVENTO

Portaerei Cavour ad Ortona, tutto pronto per l’arrivo

La nave ammiraglia della Marina sarà ormeggiata per tre giorni al largo del porto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3904

Portaerei Cavour ad Ortona, tutto pronto per l’arrivo

ORTONA. E' tutto pronto per l'arrivo della Portaerei Cavour presso il porto di Ortona nelle giornate di domani, giovedì e venerdì.
 La Cavour è la nave ammiraglia della Marina Militare ed il suo progetto - dotato delle tecnologie più avanzate - ne fa un vanto assoluto per l'intera Nazione. La Marina Militare ha voluto dare alla Regione Abruzzo e al suo territorio l'opportunità di vivere e scoprire la grandezza e le potenzialità della nave: nei tre giorni in cui la portaerei Cavour sarà ormeggiata nella rada del porto di Ortona, vi sarà la possibilità di effettuare visite guidate alle istituzioni civili, militari e religiose, alle associazioni, alle scolaresche e alla cittadinanza.
L'arrivo della portaerei è un evento unico che Regione Abruzzo vuole rendere ancor più forte proprio in considerazione della peculiarità che una nave ha, ossia la naturale capacità di attraversare i mari e collegare terre, popoli e nazioni.
 Per questo motivo sono stati organizzati due eventi a bordo della ammiraglia: il primo si terrà mercoledì  e vedrà la firma di un accordo di collaborazione tra Marina Militare e Regione Abruzzo siglato dal Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio Giuseppe De Giorgi, e dal presidente della Giunta regionale, Luciano D'Alfonso. L'intesa prevede forme di cooperazione per sviluppare temi e partenariati coerenti con aspetti marittimi afferenti la formazione, la cultura e lo sport, la ricerca, l'innovazione, la progettazione, l'industria, la salvaguardia ambientale, la tutela del territorio e del mare.
 Il secondo evento avrà luogo venerdì 14 alle ore 17.30: si tratta del convegno internazionale "La strategia della Macroregione Adriatico-Ionica: l'Europa delle opportunità", con la partecipazione tra gli altri dell'ambasciatore Croato in Italia, Damir Grubisa, e dell'europarlamentare, Ivan Jakovcic, relatore della Strategia Europea per la Regione Adriatico-Ionica.

IL DETTAGLIO
Mercoledì 10,30 cerimonia di accoglienza a bordo della portaerei Cavour, con la partecipazione delle autorità e dei rappresentanti istituzionali locali. Saranno presenti l'ambasciatore della Repubblica di Albania in Italia, Neritan Ceka, e l'ambasciatore Fabio Pigliapoco,segretario generale dell'Iniziativa Adriatico-Ionica (I.A.I.); ore 14,00 firma dell'accordo di collaborazione tra Marina Militare, rappresentata dal Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio Giuseppe De Giorgi e Regione Abruzzo, rappresentata dal presidente Luciano D'Alfonso; ore 14.30 -16.30 visite a bordo da parte degli studenti universitari degli atenei abruzzesi.
Giovedì: visite a bordo da parte della cittadinanza mattina 9.30- 12.30; pomeriggio 14.30 - 16.30.
Venerdì: ore 9,30 - 12,30 visite a bordo da parte delle scolaresche; ore 17,30 -19,30 convegno a bordo della portaerei Cavour "La strategia della Macroregione Adriatico-Ionica: l'Europa delle opportunità", con la partecipazione dell'ambasciatore Croato in Italia, Damir Grubisa, dell'europarlamentare, Ivan Jakovcic, relatore della Strategia Europea per la Regione Adriatico-Ionica, del presidente della Regione di Dubrovnik, Nikola Dobroslavic, del sindaco di Spalato, Ivo Baldasar, del sindaco di Mostar, Ljubo Beslic, del presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, del presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'alfonso e del presidente della Regione Molise, Paolo Di Laura Frattura. 

LA PORTAEREI
La Portaerei è stata costruita da Fincantieri. La nave è lunga 244 metri e larga 34; ha un equipaggio fisso di 544 uomini comandati dal Capitano di Vascello Luca Conti. E' entrata in servizio per la Marina Militare italiana nel 2009. La costruzione ha tenuto conto della necessità dell'impiego "dual use". Da un lato l'unità riveste un ruolo centrale nelle missioni di proiezione, sul mare e dal mare, nei vari contesti organizzativi, tanto a carattere interforze che multinazionale. La nave risponde all'interesse di disporre di uno strumento navale con elevate capacità di comando e controllo, da impiegare quale strumento operativo per la gestione di qualsiasi tipo di operazione necessaria per la sicurezza globale e la tutela degli interessi del Paese nel mondo. Dall'altro la capacità di portare, con tempestività e grande autonomia logistica, un potenziale di intervento in zone in cui si sia verificato un disastro ambientale o in aree in cui si richiede un soccorso umanitario. In tale contesto si inquadra la missione umanitaria White Crane a favore alla popolazione di Haiti a seguito del rovinoso terremoto del gennaio 2010. L'intervento ha fornito un esempio delle potenzialità della Cavour: con l'area ospedaliera e le caratteristiche di autonomia logistica, mobilità e flessibilità, sono stati raggiunti risultati importanti in termini di assistenza e benefici per la popolazione haitiana. Si può considerare la Cavour come quattro navi in una: è infatti in grado di assolvere ai ruoli di portaerei, piattaforma logistica ed anfibia, unità sede di comando e nave ospedale.