PA

Comune Pescara e Aca: un piano sinergico per il controllo delle acque piovane.

Al via i lavori del DK15

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2062

Comune Pescara e Aca: un piano sinergico per il controllo delle acque piovane.
PESCARA. Si è svolto nella giornata di venerdì l’incontro tra i rappresentanti del Comune di Pescara e dell’ACA – Azienda Consortile Acquedottistica – per affrontare tutte le problematiche legate non solo alla gestione della filiera idrica del consumo domestico e commerciale, ma alla complessa gestione delle acque piovane che affliggono il territorio cittadino.
L’incontro concordato tra i due enti è stato sollecitato dal sindaco Marco Alessandrini nelle stesse ore in cui durante l’ultima pioggia si è avuta l’interruzione della viabilità del sottopasso del Ponte della Libertà per allagamento.
Per il Comune il sindaco ha delegato il vice Enzo Del Vecchio accompagnato dai dirigenti tecnici Tommaso Vespasiano, Pierpaolo Pescara e Giuliano Rossi e per l'ACA c'erano l’amministratore Vincenzo Di Baldassarre accompagnato dai tecnici Bartolomeo Di Giovanni e Lorenzo Livello. 
Sono state esaminate le diverse cause che ancora persistono nella rete di raccolta delle acque di pioggia, fonte di estremi disagi per la cittadinanza, oltre che di vasti allagamenti, si è inoltre parlato del sistema di convogliamento delle acque al depuratore quando si superano determinati limiti.

«Se da un lato, abbiamo fatto presente come Comune, vi è una forte attenzione da parte dell’amministrazione locale alla cantierizzazione di opere di raccolta delle acque in tutte le zone della Città – afferma il vice sindaco Enzo Del Vecchio - che soffrono i disagi dei ripetuti allagamento ad ogni pioggia, dall’altro non è più rinviabile la ripresa dei lavori legati al progetto denominato “DK15”. Si tratta di un complesso sistema di opere che riguardano la pulizia degli attuali fossi Bardet e prevedono la costruzione di collettori rivieraschi con adeguamento dei relativi sistemi fognari a cui si accompagnano i lavori in area San Silvestro, che hanno il compito di convogliare le acque verso il depuratore quando si superano determinati limiti da parte degli attuali canali di raccolta. Un'infrastruttura che si pone come completamento dell’attuale sistema e che risulta di estrema necessità per la Città di Pescara per poter risolvere positivamente il problema degli allagamenti che occorrono ad ogni pioggia. La spesa complessiva per l’intervento assomma a circa 8 milioni di euro: la metà riguardante le infrastrutture fognarie e l’altra metà per il potenziamento del depuratore e che oggi ricade interamente sull’ACA».
Un investimento che, a detta del management dell’Azienda Acquedottistica, risulta di difficile sostenimento e per questo si è assunto l’impegno comune di interessare la Regione Abruzzo per l’ottenimento di finanziamenti attraverso specifiche linee dei fondi FAS che risultano specificatamente dedicate ai settori di interesse.
Apprezzamento è stato espresso anche dal Sindaco Alessandrini sul metodo e, soprattutto, sulla sinergia tra i due enti che verrà replicata nei prossimi incontri quando si affronteranno altre tematiche di comune interesse con assunzione e sottoscrizione di specifici protocolli d’intesa operativi sulle situazioni di primaria importanza e comune competenza.