SALUTE

Chieti, oggi e domani convegno sulla chirurgia della mano

Si parlerà anche della riabilitazione e delle diagnosi elettrofisiologiche

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2834

Chieti, oggi e domani convegno sulla chirurgia della mano

CHIETI. Inizia oggi pomeriggio e continua domani mattina il 53° Convegno Nazionale sulla  chirurgia e sulla riabilitazione della mano, organizzato dall’Ordine dei Medici di Chieti in collaborazione con il Corso di studi in Terapia occupazionale del Dipartimento di Neuroscienze, Imaging e Scienze cliniche della d’Annunzio.
Il Convegno ospiterà nell’Auditorium del nuovo rettorato dell’Università i maggiori esperti italiani del settore (medici chirurghi e riabilitatori della mano) che partendo dal ruolo della mano dal punto di vista culturale ed antropologico analizzeranno le diverse patologie e le tecniche riabilitative collegate.
«Siamo molto soddisfatti del risultato - dichiara Mino Ianieri, direttore della didattica del CdS di Chieti - sono arrivate oltre 200 richieste d’iscrizioni da tutta Italia, tra le quali sono stati selezionati 150 partecipanti tra medici, terapisti occupazionali, fisioterapisti e giovani in formazione».
 Sono state programmate due sessioni di lavoro: la prima venerdì 24 ottobre pomeriggio e la seconda sabato 25 mattina. Durante l’evento interverranno medici chirurghi e riabilitatori della mano che operano sul territorio nazionale e che provengono dalle Unità di Microchirurgia e riabilitazione della mano di Milano, Modena, Varese e Bari insieme al Direttore della Clinica ortopedica dell’Università di Chieti.
Il Convegno intende esplorare le più recenti tecniche operatorie e riabilitative che riguardano i traumi e le patologie della mano. Ogni modulo d’intervento esplorerà una diversa patologia per poi associarne le specifiche tecniche riabilitative, mentre non mancheranno accenni alle diagnosi elettrofisiologiche.
«L’evento è gratuito – spiega Alessia Cardellini, responsabile della segreteria organizzativa - ed è stato accreditato al Ministero per 8,3 crediti per i medici di Ortopedia e traumatologia, Chirurgia generale, Medicina fisica e riabilitazione, Neurologia, Chirurgia plastica e ricostruttiva), per i Terapisti Occupazionali e per i Fisioterapisti».