L'INCHIESTA

Inchiesta tetti spesa sanità: Chiodi interrogato per tre ore

L’ex governatore: «rammaricato per ‘buchi’ nell’indagine»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1601

Inchiesta tetti spesa sanità: Chiodi interrogato per tre ore

Gianni Chiodi





PESCARA. E' durato oltre tre ore l'interrogatorio dell'ex presidente della Regione Abruzzo ed ex commissario ad acta alla sanità per il piano di rientro, Gianni Chiodi.
L'ex governatore (che ha chiesto di essere ascoltato) è indagato dalla procura di Pescara insieme all'ex subcommissario Giovanna Baraldi, all'ex assessore alla sanità Lanfranco Venturoni, e a due tecnici dell'Agenzia nazionale per i servizi regionali che collaborarono con la Baraldi, Francesco Nicostra e Lorenzo Venturini.. Nel mirino dell'inchiesta, che è stata chiusa qualche mese fa, c'è il ridimensionamento dei tetti di spesa.
Secondo l'accusa, Chiodi avrebbe fatto firmare alle cliniche private contratti di prestazione di assistenza ospedaliera, collegando la firma al pagamento dei crediti che le cliniche avevano nei confronti della Regione.
Contratti che, dice l’accusa, sarebbero stati stilati con un «generale atteggiamento ostruzionistico volto a non fornire i dati per procedere all'attuazione della metodologia utilizzata per realizzare i tetti di spesa».
Chiodi e Baraldi, ricostruisce la Procura, avrebbero congelato la procedura dei pagamenti dei crediti pregressi e ordinari, subordinadoli alla firma del contratto per l'anno 2010. Falso, abuso d'ufficio e violenza privata i reati che a vario titolo vengono contestati agli indagati. Per la Procura pescarese Chiodi (e la Baraldi) avrebbe sostenuto il falso nella delibera 14/2010 sulle linee guida per la regolamentazione dei rapporti in materia di prestazioni erogate dalla rete ospedaliera privata, sostenendo che i tetti erano stati «scientemente costruiti utilizzando un criterio di valorizzazione medio tenuto celato agli operatori privati e non approvato da alcun provvedimento integrativo» a quello esistente e di riferimento.

«BUCHI NELL’INCHIESTA»

L'ex governatore, arrivato ieri alle 15 a Palazzo di Giustizia, èstato ascoltato per oltre tre ore e un quarto. «Ho parlato tanto - ha spiegato - perché ho voluto raccontare quattro anni di Sanità nella nostra Regione».
«Ho ricostruito tutto. In Abruzzo per la prima volta dal 2010 ci sono dei contratti, prima non c'erano e questo significa non solo che non c'erano tetti di spesa, ma che non c'erano neanche regole condivise sui controlli. Io poi non ho mai violentato nessuno, ho semplicemente informato quali sarebbero state le conseguenze per legge della mancata firma del contatto e cioè la procedura di disaccreditamento. Quello che mi rammarica è che nelle indagini ci sono alcuni buchi: mancano alcuni elementi importanti per quanto riguarda ad esempio la quantificazione dei crediti. Ci sono le sentenze del Tar favorevoli alle cliniche private, ma non la decisone del Consiglio di Stato che ha annullato le sentenze. Mancava quindi l'esito delle vicende e questo un po' mi ha sorpreso e le ho prodotte io. Per quanto riguarda la questione dei tetti è stata ben chiarita: è stata applicata una metodologia approvata dal ministero dell'Economia».
L'ex governatore ha inoltre fatto notare che il Consiglio di Stato nel 2013 ha definito gli atti del commissario ordinanze libere extra ordinem. «Addirittura ha detto che gli atti del commissario sono atti urgenti ed indifferibili in situazioni emergenziali e che non sono soggette alle regole del contraddittorio». Chiodi poi ha detto che «in Abruzzo le lobby della sanità privata sono antiche, fortissime, con forze economiche, imprenditoriale, televisiva e con agganci e relazioni in tutti i livelli».

«ORGOGLIOSO DI QUELLO CHE HO FATTO»

«Sono fiero ed orgoglioso di quello che è stato fatto per la sanità abruzzese in questi anni. E' stata dura, i calci sono arrivati da tutte le parti, magari ci si è perso anche le elezioni. Però oggi l'Abruzzo si avvia a non essere più una regione canaglia. Decideranno i magistrati se archiviare o meno, non mi aspetto niente. Archiviazione o non archiviazione sono fiero di quello che ho fatto. Anzi, questa vicenda servirà ancora di più a far luce su quelle che erano le patologie dell'Abruzzo e che oggi non lo sono più».
Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di falso, abuso d'ufficio e violenza privata. I titolari dell'inchiesta, partita da un esposto dei titolari di cliniche private, sono i pm Giuseppe Bellelli e Giampiero Di Florio.