SANITA'

Infezioni, pool di specialisti negli ospedali per cure a domicilio

Rivoluzione dell’assistenza sanitaria che dovrebbe far risparmiare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1453

Infezioni, pool di specialisti negli ospedali per cure a domicilio



ABRUZZO.  C'e' il 'marchio doc' dell'ospedale 'San Salvatore dell'Aquila sul protocollo per la gestione delle infezioni, previsto a partire dal prossimo anno negli ospedali italiani: pazienti curati a casa anziche' in ospedale, ricoveri molto piu' brevi e risparmi stimati di circa 15.000 euro al mese per le Asl.
Ieri, a Roma, il direttore del servizio Farmacia dell'ospedale aquilano, Eugenio Ciacco, alla presenza di oltre cento specialisti provenienti da tutte le regioni italiane, e' stato il relatore di un progetto che, avviato 2 anni fa, muove ormai i primi, concreti passi.
L'occasione, per dare ulteriore impulso a un protocollo che salvaguardi l'etica medica verso il paziente, ne migliori la qualita' di vita e riduca drasticamente la durate delle degenze e dei costi sanitari, e' stato il congresso regionale della Simit (societa' italiana malattie infettive e tropicali) e dalla Sifo (societa' italiana farmacisti ospedalieri), dal titolo: "Antimicrobial stewardship in ospedale: la rete per il controllo delle infezioni". Nel prossimo anno, sull'argomento, si terra' un convegno nazionale.
Sulla base del progetto, promosso dalla Farmacia del S. Salvatore in collaborazione con un ristretto numero di presidi italiani, le Regioni che hanno aderito, istituiranno, in ciascun ospedale, un gruppo di lavoro composto da specialisti del settore.

L'ospedale aquilano, leader nazionale dell'iniziativa e ovviamente apripista in Abruzzo per le altre Asl, ha precorso i tempi allestendo un gruppo di lavoro che lavorera' in sinergia. Il team, istituito dal direttore sanitario di presidio, dr.ssa Giovanna Micolucci, e' composto, tra l'altro, dai medici Eugenio Ciacco (nelle vesti di responsabile della Farmacia ospedaliera), Alessandro Grimaldi (malattie infettive) e Simonetta Santini (laboratorio analisi). Il pool comincera' a lavorare a breve in vista dell'attuazione, gia' dai primi mesi del prossimo anno, di un obiettivo che costituisce il punto di svolta nella gestione delle infezioni trattate in ospedale.
«Il punto cruciale», dichiara il dr. Ciacco, «sta nell'individuare subito l'antibiotico giusto per la cura di tutte le infezioni. Il problema e' che in Italia, in ospedale, si utilizzano spesso antibiotici resistenti agli agenti patogeni (microbi) o comunque non adatti allo specifico caso, con la conseguenza di dover somministrare terapie aggiuntive che si traducono in ulteriore sofferenza del malato, prolungamento della degenza in ospedale e, fatto non trascurabile, forte lievitazione dei costi sanitari. Qual e' la nuova strategia? Passare dalle cure endovena in ospedale (che necessitano dell'assistenza di infermieri) alla terapia a domicilio per via orale (compresse). Il vantaggio e' che il malato e' a casa, nell'agio dell'ambiente familiare, mentre le degenze si riducono in modo netto, da una media di 10-20 giorni, a poche giornate di ricovero. Il costo giornaliero di una degenza ospedaliera e' tra i 700 e gli 800 euro mentre, a casa, la spesa sarebbe appena di 180. Al mese, dunque, le casse di ciascuna Asl, in base al progetto che abbiamo studiato, risparmieranno circa 15.000 euro (circa 3.800 a settimana)».