NOMINE

Imprese automotive: Giuseppe Ranalli nuovo presidente Iam

Massimo Casali è il vice presidente

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3069

Imprese automotive: Giuseppe Ranalli nuovo presidente Iam

Ranalli


SANTA MARIA IMBARO. Lunedì sera, presso la sede di Santa Maria Imbaro, sono state rinnovate le cariche del cda dello Iam (Innovazione Automotive e Metalmeccanica).

Il Consiglio di amministrazione ha eletto alla carica di presidente Giuseppe Ranalli, imprenditore alla guida di Tecnomatic, azienda del Teramano leader nella progettazione e realizzazione di linee automatiche e macchine speciali, nelle lavorazioni meccaniche di precisione e nella meccatronica, con particolare riferimento allo sviluppo e produzione di motori elettrici innovativi per applicazioni ibride o total electric (BEV and HEV)

Vice presidente è stato eletto Massimo Casali di Fiat Spa.  Del Consiglio di amministrazione fanno parte anche Gilberto Candeloro (IMM Hydraulics), Leo Franchi (Fontecal), Marco Mari (Denso), Francesco Parasiliti (Università degli Studi dell’Aquila) e Nello Rapini (Honda).
«Accetto questo incarico – è il commento del neo presidente Ranalli – con grande orgoglio, perché credo fortemente nella validità del Polo Innovazione Automotive e delle molteplici attività che coinvolgono i soci. Sono fermamente convinto, infatti, che sia uno strumento privilegiato per affrontare le sfide presenti e future. In sintesi – aggiunge Ranalli – credo che un mondo che dialoga, scopre e collabora con altri mondi rappresenta l’unica chiave possibile per affrontare le sfide del futuro».
La Innovazione Automotive e Metalmeccanica, costituitasi nel 2008, ha infatti per obiettivo proprio il rafforzamento ed il consolidamento della filiera delle imprese automotive. La società cura l'organizzazione, la definizione, l'implementazione e la gestione di progetti a livello regionale, nazionale ed europeo, coinvolgendo le imprese partner nelle innovazioni di processo e prodotto legate al sistema Automotive internazionale.
Attualmente il Polo conta oltre 70 imprese aderenti - tra queste Fiat, Honda, Denso, Pilkington, Bonfiglioli, Isringhausen, IMM, ecc. - le Università dell’Aquila, di Chieti-Pescara e delle Marche, il Centro Ricerche FIAT ed Associazioni di imprenditori. 
Il neo eletto Cda, a conclusione della seduta, ha voluto esprimere il proprio ringraziamento, per il lavoro svolto fino ad ora, ai consiglieri uscenti, e in particolare al presidente uscente Silvio Di Lorenzo, «capace di guidare con successo la società in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo».